Caritas, primo ascolto a 981 persone: «Quasi un terzo sono italiani over 50»

Il 55% è in condizione di grave marginalità: senza fissa dimora, povertà, dipendenze. Gli stranieri che chiedono aiuto sono fra i 18 e i 50 anni. La maggior fragilità tocca le donne.

Caritas, primo ascolto a 981 persone: «Quasi un terzo sono italiani over 50»
Quasi mille persone si sono rivolte a Caritas nel 2021
(Foto di Colleoni)

Il Centro primo ascolto e coinvolgimento di Caritas in via del Conventino è il luogo di accesso e filtro per i servizi per la grave marginalità e bassa soglia, persone senza fissa dimora. Nel 2021 sono arrivate 981 persone, di cui 763 uomini e 218 donne, 276 di nazionalità italiana che per età rappresentano maggiormente la fascia oltre i 50 anni; gli stranieri sono compresi tra i 18 e 50. Analizzando i bisogni si può evincere che circa il 55% sia in condizione di grave emarginazione (senza un alloggio, in condizione di estrema povertà, con problematiche legate alle dipendenze e/o all’irregolarità).

© RIPRODUZIONE RISERVATA