Città Alta a portata di disabili: adesso ci sono i tour «su misura» e polisensoriali

Storicity. Progetto di turismo accessibile: a pieno regime con la Capitale della Cultura 2023. Iniziativa di Bergamo Lavoro, Anmic e Unione invalidi civili.

Città Alta a portata di disabili: adesso ci sono i tour «su misura» e polisensoriali
Il gruppo che ha partecipato al primo tour organizzato con il progetto Storicity

Tour «su misura» per permettere a chi ha difficoltà sensoriali, psichiche e di mobilità di ammirare a apprezzare appieno i principali monumenti di Bergamo Alta: è partita sabato 10 settembre l’iniziativa denominata Storicity, un progetto di turismo accessibile ed inclusivo che entrerà a pieno regime in vista della Capitale della Cultura del 2023. A promuoverlo è la cooperativa Bergamo Lavoro, in collaborazione con l’Associazione nazionale mutilati e invalidi civili (Anmic) e l’Unione invalidi civili Bergamo.

L’obiettivo è proporre percorsi accessibili per chi ha ridotta mobilità, per non vedenti, non udenti, anziani, famiglie con bambini piccoli, donne in dolce attesa e altri visitatori con necessità speciali. Inoltre vengono realizzati tour polisensoriali per tutti i cittadini con l’intervento di guide con disabilità. Il giro di sabato 10 settembre condotto dall’architetto Nicola Eynard, specializzato in percorsi di turismo accessibile, ha visto i partecipanti (circa una trentina, di cui alcuni in carrozzina) scoprire le bellezze di Città Alta, tra cui Colle Aperto, la Corsarola, Piazza Vecchia e la Basilica di Santa Maria Maggiore. «La nostra città è sempre stata accogliente: renderla accessibile significa semplificare alcuni percorsi già esistenti per facilitare la vita di tutti», spiega Carla Rossi, presidente della cooperativa Bergamo Lavoro. «Diamo così a parecchi disabili la possibilità di raggiungere Bergamo e visitarla», il commento di Giovanni Manzoni, presidente di Anmic Bergamo. Al tour di sabato 10 settembre presente anche Marcella Messina, assessore comunale alle Politiche sociali. Le prossime date delle visite aperte al pubblico verranno comunicate sul sito https://www.storicity.it.

Approfondisci l'argomento sulla copia digitale de L'Eco di Bergamo

© RIPRODUZIONE RISERVATA