Covid in Lombardia: nella Bergamasca l’incidenza più bassa (35), intorno quasi tutti sopra 50 - I dati

Il dato regionale: 59 nuovi casi settimanali ogni 100mila abitanti. La nostra è la provincia con l’incidenza più bassa, a quota 35; le altre due aree sotto la soglia simbolica dei 50 nuovi casi – un tempo l’unico indicatore per la zona bianca, ora combinato alla pressione ospedaliera – sono Pavia e Lecco, entrambe a 42.

Covid in Lombardia: nella Bergamasca l’incidenza più bassa (35), intorno quasi tutti sopra 50 - I dati

L’inizio del rimbalzo ha una data precisa, incisa nei numeri: il 15 ottobre, tra l’altro – coincidenza o «effetto» concreto – l’inizio dell’obbligo di Green pass sui luoghi di lavoro e quindi del boom di tamponi. Quattro settimane dopo, la tela del contagio restituisce una Lombardia di tonalità ben diverse: Bergamo, ancora una volta virtuosa nel limitare i casi di coronavirus, è di fatto «circondata». Continua a essere la provincia lombarda con la circolazione virale più bassa, ha rinnovato la «tenuta» nonostante nell’ultimo mese il virus abbia ricominciato a correre. Lo ha fatto, in realtà, con velocità diverse tra le aree della regione. Oggi è più diffuso nello spicchio occidentale della Lombardia, peraltro come all’inizio della seconda ondata che infiammò l’autunno del 2020.

© RIPRODUZIONE RISERVATA