«Ero pieno di rabbia, è diventata energia: Eliot è l’amico che mi presta i suoi occhi»

Claudio Mapelli ha perso la vista a 20 anni per un incidente: decisivo l’aiuto di famiglia e fidanzata per risollevarsi.

«Ero pieno di rabbia, è diventata energia: Eliot è l’amico che mi presta i suoi occhi»
Claudio Mapelli con il suo cane guida Eliot (foto Frau)

Eliot, il cane guida - un giovane Labrador biondo -, cammina accanto a Claudio Mapelli, non vedente, presidente dell’Unione italiana dei ciechi e degli ipovedenti (Uici) di Bergamo, mantenendo il suo passo con naturalezza. Procedono insieme, allo stesso ritmo, superando incroci e scalini, salendo e scendendo dai marciapiedi lentamente ma senza incertezze. Si vede subito che fra loro c’è un legame profondo di fiducia e di lealtà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA