Interventi, le attese si sono accorciate: oltre il 70% degli oncologici è nei tempi

Ospedali. Al«Papa Giovanni» si è passati dal 40 al 74%. Pezzoli: «E per i casi non legati ai tumori siamo a più dell’82%». Per i tumori l’Asst Bergamo Est è all’88%.

Interventi, le attese si sono accorciate: oltre il 70% degli oncologici è nei tempi
Un intervento chirurgico: al «Papa Giovanni» di Bergamo e nell’Asst Bergamo Est accorciate le attese per le operazioni oncologiche

I risultati si vedono, lo dicono i numeri: le nuove strategie adottate per accorciare i tempi di attesa per gli interventi, in primo luogo oncologici, stanno sortendo buoni effetti. All’Asst Papa Giovanni di Bergamo, con l’attivazione del programma di «recupero» indicato dalla Regione Lombardia (che ha stanziato fondi ad hoc), oltre il 74% degli interventi oncologici di classe A, cioè quelli che devono essere effettuati entro 30 giorni, rientra ora nei tempi fissati. «Stiamo facendo tutti gli sforzi possibili – sottolinea Fabio Pezzoli, direttore sanitario dell’Asst Papa Giovanni XXIII di Bergamo –. Partivamo da un livello piuttosto basso, causato da diverse motivazioni, compresa quella che essendo un centro di riferimento anche per molte patologie tempo-dipendenti e un trauma center, dobbiamo fornire risposte immediate a prestazioni e richieste che inevitabilmente ne “scavalcano” altre, per urgenza. A questo vanno aggiunti i rallentamenti causati dalla pandemia, che ci ha visto in prima linea per oltre due anni. Partendo comunque dal dato del 40% di interventi oncologici di classe A con i tempi soddisfatti, ora abbiamo superato il 74%. Ed entro la fine dell’anno supereremo anche l’80%, che è l’obiettivo della Regione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA