Vaccini, in Bergamasca «scoperte» 450 mila persone

Si tratta di 167.804 soggetti che non hanno ricevuto nemmeno la prima dose e di altri 284.143 a cui è stata inoculata la seconda da 4 mesi.

Vaccini, in Bergamasca «scoperte» 450 mila persone

L’ulteriore accelerazione prende forma da oggi, per tenere il passo del virus. L’intervallo per accedere alla terza dose è sceso a quattro mesi dal completamento del ciclo primario (prima più seconda dose, o dose unica nei casi in cui era prevista), così da rinforzare la copertura immunitaria mentre Omicron continua a mordere. I numeri indicano che un ulteriore scatto è necessario, a Bergamo e in Lombardia. Su un duplice fronte, in realtà: «agganciare» chi ancora non ha ricevuto la dose booster e, naturalmente, insistere con chi non ha ricevuto nemmeno la prima. In Bergamasca si punta ad accelerare per una platea che, sommando le varie categorie, arriva attorno alle 450mila unità.

© RIPRODUZIONE RISERVATA