All’oratorio San Giuseppe l’handicap si può battere con il calcio inclusivo

Dalmine Al momento ci sono due formazioni composte da 7 atleti ciascuna delle scuole secondarie di primo e secondo grado. Ma il progetto è di ampliare l’offerta. Intanto sono ripresi a Sabbio gli allenamenti del «basket sociale».

All’oratorio San Giuseppe l’handicap si può battere con il calcio inclusivo
Una delle squadre di calcio inclusivo a Dalmine

Luogo di inclusione sociale e anche sportiva, non soltanto per persone normodotate ma anche per bambini e ragazzi diversamente abili. É il progetto dedicato allo sport giovanile dell’oratorio San Giuseppe a Dalmine centro. Un’ avventura cominciata cinque anni fa con una squadra di baskin (disciplina sportiva che nasce dall’unione dei termini «basket» e «inclusivo») e continuata quest’anno con il primo gruppo dalminese di calcio a cinque formato da ragazzi con disabilità fisiche e intellettive . Si tratta di due formazioni di 7 atleti ciascuna, delle scuole secondarie di primo e secondo grado, che arrivano dalla città e dai paesi vicini: in particolare da Osio Sotto e Verdello.

© RIPRODUZIONE RISERVATA