Quando a Martinengo si curavano i feriti dell’esercito francese. E soggiornava Garibaldi

La ricostruzione. Venerdì 25 novembre convegno sul volume dedicato all’assistenza sanitaria nella Bergamasca all’indomani della battaglia di Solferino e San Martino. Ci sarà anche un discendente dell’eroe dei due mondi.

Quando a Martinengo si curavano i feriti dell’esercito francese. E soggiornava Garibaldi
L’ospedale di Martinengo

Un libro nel quale si racconta l’importanza e la funzione degli ospedali permanenti e provvisori della nostra provincia, dopo la battaglia di Solferino e San Martino del 1859. Verrà presentato venerdì 25 novembre al Filandone di Martinengo, nell’ambito di un convegno organizzato dal locale Centro Studi . Un’occasione per ascoltare da l cavalier Luigi Valotti i contenuti più significativi del suo volume «Bergamo 1859 città ospedaliera», ma anche l’intervento storico di Francesco Garibaldi, discendente diretto dell’«eroe dei due mondi» e presidente dell’«Associazione nazionale Giuseppe Garibaldi», inoltre quello attuale di Gisella Guerrini, direttore del distretto Asst Bassa Orientale, che illustrerà il progetto di Casa e ospedale di comunità nella struttura ospedaliera di Martinengo .

© RIPRODUZIONE RISERVATA