«Gli immigrati nuova risorsa per il mondo del volontariato»

La ricerca È stata curata dal sociologo Maurizio Ambrosini insieme a Deborah Erminio. Il 40% delle persone impegnate ha cittadinanza italiana, il 70% è diplomato o laureato.

«Gli immigrati nuova risorsa per il mondo del volontariato»

Quando pensiamo alle persone di origine straniera e al volontariato, ce le immaginiamo spesso come fruitori dei servizi. In realtà non è così. A raccontarlo è la ricerca «Volontari inattesi», la prima indagine nazionale sull’impegno sociale delle persone di origine immigrata realizzata da Csvnet (associazione nazionale dei Centri di servizio per il volontariato) e dal Centro studi Medì. Ne parla Maurizio Ambrosini, sociologo e curatore della ricerca insieme a Deborah Erminio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA