Lascia la fabbrica per tosare le pecore La storia di Claudio, pastore di Sovere
Claudio Filisetti, pastore di Sovere (Foto by Fronzi)

Lascia la fabbrica per tosare le pecore
La storia di Claudio, pastore di Sovere

«Ho iniziato ad allevare pecore undici anni fa – racconta – quando mi sono stancato di lavorare in fabbrica: prima nel settore tessile, poi in quello della carpenteria, sentivo che quell’ambiente non era adatto a me».

Claudio Filisetti, pastore di Sovere, in un minuto e mezzo tosa una pecora. E il suo non è che sia un tempo da record, ma il tempo medio che lui e gli aiutanti della sua squadra impiegano per togliere tutta la lana a ciascuno di questi animali «in particolare a un esemplare di pecora bergamasca – biellese», precisa subito lui, espertissimo su questo argomento, avendone fatto la propria ragione di vita.

«Ho iniziato ad allevare pecore undici anni fa – racconta – quando mi sono stancato di lavorare in fabbrica: prima nel settore tessile, poi in quello della carpenteria, sentivo che quell’ambiente non era adatto a me. Così ho mollato tutto e mi sono messo in proprio comprando i primi animali e le prime pecore. Oggi ho un gregge di circa mille esemplari». Da alcuni anni l’allevatore di Sovere ha deciso anche di tosare le pecore. E i clienti non mancano: arrivano anche da fuori regione, dal Veneto alla Val d’Aosta.


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 3 maggio

© RIPRODUZIONE RISERVATA