Benvenuta carabiniere  Georgiana  Una bella lezione  di integrazione
Georgiana Alice Darie

Benvenuta carabiniere Georgiana
Una bella lezione di integrazione

Il padre arrivò in italia da irregolare quando lei era neonata, cinque anni per sistemare la propria posizione. E oggi lei, orgogliosa, ha coronato il suo sogno e indossa la divisa dell’Arma: è in servizio alla Stazione di Trescore.

La sua è una storia di duro lavoro, ostacoli da superare e traguardi raggiunti, ma anche l’emblema dell’integrazione. Lunedì è arrivata alla stazione di Trescore, per la prima volta nella nostra provincia, un carabiniere donna di origini romene, con doppia cittadinanza e bilingue. Si chiama Georgiana Alice Darie, 20 anni, figlia di un artigiano e un’operaia, con una sorellina di 4 anni. Suo padre è arrivato in Italia da irregolare quando lei era neonata e Georgiana ha appena coronato il sogno di diventare carabiniere. Insieme ad altri 34 colleghi, lunedì è arrivata a rinforzare l’organico sofferente dell’Arma nella nostra provincia. «I miei genitori ci hanno messo cinque anni per ottenere la cittadinanza, e l’hanno fatto per me – racconta Georgiana –. Fin da piccola ho sempre cercato di risolvere i problemi da sola, ma la cosa più bella del mondo per me è aiutare gli altri, e il lavoro di carabiniere mi è sempre piaciuto per questo. Voglio stare vicino alle persone, ascoltarle e dare conforto anche nelle cose più piccole».


Leggi di più acquistando a 0,99 euro la copia digitale de «L’Eco di Bergamo» di domenica 17 novembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA