Castelli Calepio, truffa dello specchietto Ma l’ex camionista fa fuggire il furfante

Castelli Calepio, truffa dello specchietto
Ma l’ex camionista fa fuggire il furfante

Prima la scena del «mi hai rotto lo specchietto, dammi 100 euro». Alla proposta di fare una constatazione amichevole, il malvivente si è dato alla fuga.

Sabato 30 marzo un ex camionista di Tagliuno ha sventato «truffa dello secchietto» tentata ai suoi danni. Stava viaggiando in auto in direzione Calepio e, all’altezza dell’ufficio postale, un uomo stazionava a fianco del suo Doblò parcheggiato a bordo strada con le quattro frecce. Quando i due veicoli si sono affiancati, dal Doblò si è sentito arrivare un piccolo tonfo e lo specchietto lato passeggero dell’auto dell’ex camionista si è chiuso improvvisamente. Il proprietario del furgone è salito a bordo e ha rincorso l’ex camionista di Tagliuno. E, quando lui ha deciso di fermarsi, lo ha aggredito: «Mi hai rotto lo specchietto e sei scappato, dammi 100 euro e la chiudiamo qui», ha urlato l’uomo al castellese. E l’ex camionista? Si è offerto di fare una constatazione amichevole, proprio quello che il furfante non voleva: infatti è fuggito.


Leggi di più su «L’Eco di Bergamo» in edicola domenica 31 marzo oppure acquistando a 0,99 euro la copia digitale sul sito www.ecodibergamo.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA