Giovedì 12 Giugno 2014

Mondiali, la metà degli italiani
li seguirà sul cellulare

Uno smartphone

Lo smartphone sempre più rivale della televisione, a sorpresa anche in occasione dei Mondiali di calcio che stanno per entrare nel vivo. Moltissimi tifosi oltre che in televisione li seguiranno sul cellulare, purché sia «smart», quindi connesso alla rete e ai social network, per avere informazioni in tempo reale, guardare le partite e scambiare commenti.

A certificare la tendenza sono due società d’analisi. Secondo uno studio globale dell’Interactive advertising bureau (Iab) condotto in 11 Paesi fra cui l’Italia, la metà dei tifosi che possiede uno smartphone seguirà il Mondiale sul telefonino, che si piazza così al secondo posto – dopo la tv, al terzo il pc – nella classifica dei dispositivi con cui ci si terrà più al passo con le partite. Le motivazioni che spingono gli utenti a questa scelta sono per lo più tre: essere aggiornati sui punteggi in tempo reale, poter guardare le partite mentre si è in movimento, condividere con altri informazioni e commenti. E poi c’è il Global Web Index che evidenzia come i «fan in tempo reale», coloro che puntano a guardare il maggior numero possibile di partite in diretta, avranno quasi tutti (il 91%) un secondo schermo davanti agli occhi oltre alla tv. E si tratta del telefono smart per i due terzi dei fan .

Tra applicazioni e siti web il Mondiale di calcio non è mai stato tanto social. C’è però da fare attenzione alle truffe online visto che anche i cybercriminali sono in allerta e pronti a sfruttare l’eco di Brasile 2014. La società di sicurezza McAfee mette in guardia dai calciatori più «pericolosi» da cercare in rete perché c’è il rischio che conducano a siti web positivi a cyberminacce. Al top della classifica c’è Ronaldo, seguito da Messi, Casillas e Neymar. Il primo italiano è Alessandro Diamanti, appena fuori dai «titolari» con il numero 13, seguito da Mario Balotelli al 15° posto. Quest’ultimo, secondo l’Osservatorio Social Vip, è invece il re dei social fra i giocatori italiani più seguiti su Facebook, Twitter e Instagram.

© riproduzione riservata