Martedì 27 Aprile 2010

Bergamo, 4 nuove piste ciclabili
Il 2 maggio torna «Bimbimbici»

Quattro nuove piste ciclabili e il raddoppio delle postazioni del bike sharing. E' quanto prevede Palafrizzoni sul fronte della mobilità sostenibile e sull'uso della bicicletta. A dirlo è il vicesindaco, nonché assessore alle infrastrutture, mobilità e trasporti, Gianfranco Ceci, che ha presentato l'11.ma giornata di «Bimbimbici».

Tre delle quattro piste sono già state progettate: sono la bike&tram che affiancherà il percorso del tram delle valli sino ad Alzano, la Polaresco-Ospedale e la Celadina-Fiera. Per la Borgo Palazzo-Gleno (collegamento verso i campi sportivi e il Creberg Teatro) c'è solo il disegno del percorso.

«Queste opere sono state inserite nel Pop (piano delle opere pubbliche) del 2011, 2012, 2013 e 2014 – informa Ceci -. In pratica si vuole realizzare una pista all'anno. Ognuna di esse vedrà un investimento di oltre un milione di euro». 14 sono, invece, le nuove postazioni della BiGi, il sistema di bike sharing della città di Bergamo.

«Bimbimbici» si terrà domenica 2 maggio, a partire dalle 10 con ritrovo a Palazzo Frizzoni. E' dedicato a tutti i bambini sino agli 11 anni (l'anno scorso furono 300 i partecipanti) e alle loro famiglie. Organizzata dall'Aribi  con il patrocinio del Comune di Bergamo e dell'Ufficio Scolastico Provinciale, in collaborazione con Ubi-Banca Popolare di Bergamo e L'Eco di Bergamo, sarà all'interno delle iniziative della prima giornata nazionale della bicicletta che si tiene il 9 maggio, ma a Bergamo viene anticipata di una settimana per l'adunata degli alpini. «Alle 10.30 ci sarà la partenza della biciclettata che terminerà al Parco delle Biciclette di Loreto – ha spiegato la presidente Aribi, Gabriella Radici -. A seguire ci sarà la merenda offerta dalla banca e i gadget per i partecipanti dell'Eco e della Fiab (Federazione italiana amici della bicicletta, ndr). Invitiamo tutti a partecipare». Quota di partecipazione 5 euro e comprende l'iscrizione alla sezione juniores dell'Aribi, la copertura assicurativa e la borsa Fiab. Info: www.aribi.it.

k.manenti

© riproduzione riservata