Incontri ravvicinati con la ricerca
«Rivoluzione scolastica» in università

Incontri ravvicinati con la ricerca, ma soprattutto rimodulare l'attività didattica dell'Università con incontri tra docenti e alunni in modo più creativo e critico. Succede giovedì 25 e venerdì 26 novembre nella Facoltà di Lingue.

Incontri ravvicinati con la ricerca «Rivoluzione scolastica» in università

Incontri ravvicinati con la ricerca, ma soprattutto rimodulare l'attività didattica dell'Università di Bergamo con incontri tra docenti e alunni in modo più creativo e critico. «L'iter parlamentare del disegno di legge sull'Università, la cui discussione alla Camera è iniziata il 19 novembre scorso, si concluderà presumibilmente in questa settimana - spiegano dalla Facoltà di Lingue dell'Ateneo bergamasco -. Ciò impedisce di riaprire una discussione pubblica sull'università italiana e sulle sue reali necessità. Il finanziamento annunciato dal Governo, assolutamente insufficiente anche solo a compensare i tagli già decisi per l'Università, conferma la grave penalizzazione della ricerca e dell'alta formazione, a differenza di quanto accade in altri Paesi europei».

Da qui la decisione dei ricercatori della Facoltà di Lingue dell'Università  di rimodulare le lezioni nei giorni di giovedì 25 e venerdì 26 novembre con una serie di incontri seminariali nel corso dei quali, da un lato, verranno illustrati gli sviluppi legislativi relativi all'Università e alla Ricerca e dall'altro, verranno affrontati temi di ricerca volti a promuovere il sapere, stimolare la curiosità e avvicinare gli studenti agli ambiti di studio dei docenti della facoltà.

Questo considerando iniziative «di protesta di varia natura - spiegano dalla Facoltà di Lingue -, volte soprattutto a diffondere le informazioni relative allo stato delle cose e a sensibilizzare, con l'intento però di non penalizzare gli studenti e le famiglie e di offrire concreti e documentati strumenti di comprensione della situazione». Ai due giorni di studio parteciperanno i ricercatori della facoltà e numerosi docenti.

Per informazioni www.unibg.it/lls

© RIPRODUZIONE RISERVATA