Mercoledì 25 Maggio 2011

Vulcano e nube di cenere:
cancellato un volo da e per Orio

L'eruzione del vulcano islandese Grimsvoetn si è bloccata ma la nube di ceneri dei giorni scorsi si è spostata in Germania. Dalle 11 di mercoledì sono stati chiusi due aeroporti di Berlino, Schoenefeld e Tegel, mentre gli aeroporti di Amburgo e Brema sono chiusi già da mercoledì mattina. Settecento i voli cancellati in Germania

Due voli cancellati anche a Orio al Serio: si tratta del Ryanair che doveva partire alle 16,25 per Amburgo-Lubecca e del corrispondente volo di ritorno, previsto in arrivo a Bergamo alle 20,05.

Torna invece alla normalità la situazione nel Regno Unito. Dopo le gravi perturbazioni al traffico aereo di martedìi in Scozia e nel nord del Regno Unito, i voli stanno infatti tornando alla normalità in zona.

Secondo l'ultimo bollettino dell'autorità britannica di controllo sul traffico aereo «a partire dalla mezzanotte di mercoledì non è prevista la presenza di alcuna concentrazione di ceneri sullo spazio aereo britannico».

Martedì per decisione dell'agenzia europea di sicurezza aerea Eurocontro sono stati cancellati circa 500 voli su un totale di 29.000. Stando alle previsioni, il picco per le ceneri del vulcano potrebbe arrivare per Gran Bretagna, Francia e Olanda fra giovedì e venerdì.

Secondo i modelli grafici di evoluzione del Met, l'ufficio meteorologico britannico responsabile per il monitoraggio delle ceneri, la nube dovrebbe produrre un'alta concentrazione di ceneri a bassa in Polonia, Repubblica Ceca, Ucraina e Bielorussia (ma con basse concentrazioni di ceneri).

La giornata peggiore, secondo queste previsioni, dovrebbe essere venerdì, quando un'elevata concentrazione di ceneri si dovrebbe materializzare in media e alta quota su Gran Bretagna e Irlanda, nord della Francia - inclusa Parigi - con rischi anche per Belgio e Olanda; sabato infine, le ceneri dovrebbero diradarsi, restando presenti solo in basse concentrazioni e in alta quota su Francia, Germania, Polonia e Paesi scandinavi.

r.clemente

© riproduzione riservata