Venerdì 02 Settembre 2011

Al volante c'è il sindaco di Solza
A vuoto la truffa dello specchietto

Ci hanno provato, ma stavolta sono cascati male, perché a sventare il tentativo di truffa ci ha pensato Carla Rocca sindaco del paese. Quando hanno tentato di raggirarla, dopo un comprensibile momento di smarrimento, ha detto chiaro: «Vediamo di finirla». I due sono scappati, lei ha inoltrato denuncia ai carabinieri.

«Era domenica, stavo percorrendo in auto via Roma, in direzione Calusco, quando la Smart che avevo davanti ha rallentato per accostarsi a lato della strada e farsi sorpassare – spiega Rocca –. Così ho fatto. Subito dopo però ho sentito un rumore provenire da dietro, seguito da clacson e urla aggressive che mi invitavano alla sosta».

Presa alla sprovvista, ha obbedito. Due uomini («anche abbastanza corpulenti») l'hanno raggiunta al finestrino dell'auto, accusandola di aver urtato lo specchietto della loro auto. «Una reazione eccessiva che mi ha messo subito in allarme, ma li ho comunque assecondati perché ero spaventata – prosegue –. Però li ho invitati a stare lontani dalla mia auto, sono scesa per controllare da vicino il danno al loro specchietto. Da buona titolare di officina non ho avuto dubbi: lo specchietto era visibilmente fasullo e la botta improbabile».

Quindi, la controffensiva. Il sindaco di Solza ha detto che avrebbe chiamato qualcuno e i due se ne sono andati.

e.roncalli

© riproduzione riservata