Giovedì 05 Gennaio 2012

Scattati i saldi: code per l'intimo
A Orio corsa all'acquisto utile

La prima radiografia del via ai saldi, giovedì 5 gennaio, parla in centro città di code all'apertura soprattutto nei negozi di intimo, mentre quelli griffati» sono per il momento vuoti. Stiamo parlando dei riscontri della prima mattinata. E c'è da considerare che la giornata è lavorativa. Magari in pausa pranzo ci sarà maggiore afflusso di clienti.

Traffico intenso verso Oriocenter. Dove già scarseggiano i parcheggi ed è caccia all'acquisto. Ricordiamo che i saldi sono scattati il 5, ma in realtà molti negozi avevano già lanciato la politica di sconti pesanti addirittura prima di Natale. Nel primo giorno ufficiale dei ribassi subito prezzi tagliati del 50%.

Anche a Oriocenter sono supergettonati i negozi di intimo con lunghe code, ma qui anche i negozi più cari registrano una grande affluenza. Giovani scatenati soprattutto per Hollister, dove all'entrata ci sono le transenne per «regolare» il traffico. Girando per il centro commerciale non si nota nessuno senza un sacchetto.

Tutti comprano qualcosa, anche se - è il risultato di una primissima indagine - tutti preferiscono optare per cose utili, come per esempio un cappotto, senza puntare su capi sfiziosi ma ai quali si può tranquillamente rinunciare in tempi di indiscutibile crisi.

A Oriocenter stasera è in programma l'apertura fino a mezzanotte, e sarà così anche venerdì 6 e sabato 7, che ha scatenato molte polemiche. I sindacati hanno proclamato due ore di sciopero, proprio dalle 22 alle 24, per tutti gli esercizi commerciali, i servizi generali e i pubblici servizi del centro commerciale per «tutelare tutti i lavoratori a cui è stato imposto l'orario notturno».

C'è dunque curiosità per vedere quanti aderiranno allo sciopero e quale sarà l'affluenza dei visitatori stasera a Oriocenter che è diventato già ieri un caso mediatico nazionale.

m.sanfilippo

© riproduzione riservata