Martedì 20 Marzo 2012

Redditi dei politici, Jannone è primo
Tra i bergamaschi l'ultimo è Piffari

Per i parlamentari bergamaschi è tempo di dichiarazione dei redditi: la Camera ed il Senato hanno reso note le dichiarazioni di tutti i deputati e senatori presentate per il 2010. Per quanto riguarda i nostri parlamentari bergamaschi, Giorgio Jannone, del Popolo della libertà e presidente della Cartiere Paolo Pigna, si conferma, come lo scorso anno, al primo posto: l'esponente del Pdl ha dichiarato un reddito imponibile di 435.552 euro, un importo inferiore rispetto al 2009 quando aveva dichiarato 474.716. Chiude invece la classifica dei ricchi/poveri Sergio Piffari, dell'Italia dei valori, con 111.119 euro, anch'esso in diminuzione rispetto all'anno precedente quando aveva dichiarato 120.908 euro.

Al secondo posto della compagine orobica si conferma Savino Pezzotta, dell'Unione di centro, con un imponibile di 191.343 euro contro i 196.418 del 2009. Segue Giacomo Stucchi, della Lega Nord, con un reddito dichiarato di 190.201 euro, un importo superiore di oltre quarantamila euro rispetto al 2009, quando il parlamentare del Carroccio aveva presentato una dichiarazione dei redditi di 148.875 euro. Al quarto posto troviamo il collega di partito Nunziante Consiglio con un imponibile di 187.083 euro, un importo anch'esso in salita rispetto all'anno precedente, quando l'esponente della Lega aveva dichiarato 164.196 euro. Antonio Di Pietro, leader dell'Italia dei valori, si piazza al quinto posto con un reddito di 182.207 euro, di poco superiore ai 176.885 euro del 2009. Segue Gabriele Cimadoro, sempre dell'Idv, che ha dichiarato un imponibile di 175.087 euro contro i 143.472 dell'anno precedente. È solo al settimo posto della classifica complessiva dei redditi dei parlamentari bergamaschi che troviamo il primo senatore: si tratta dell'ex ministro per la Semplificazione normativa Roberto Calderoli: l'esponente della Lega Nord ha dichiarato un imponibile di 174.134 euro, cifra di poco inferiore ai 174.850 del 2009. Per l'ottavo posto si torna alla Camera con Gregorio Fontana, del Pdl, che ha dichiarato 167.131 euro: un importo in linea con il reddito del 2009.

Si ritorna quindi a Palazzo Madama con il senatore ed ex vice ministro alle Infrastrutture Roberto Castelli, del Carroccio – lecchese quanto a origini, ma residente nella Bergamasca –, che nel 2010 ha dichiarato 164.398 euro; anche in questo caso si tratta di un reddito simile all'anno precedente. Segue il deputato Massimo Corsaro, del Pdl, con un imponibile di 157.762 euro, in discesa rispetto ai 161.458 euro di dodici mesi prima. Undicesimo posto per il senatore Valerio Carrara, pure del Popolo della libertà: il suo reddito è stato di 141.305 euro, di poco superiore rispetto ai 143.634 del 2009. Il parlamentare del Partito democratico Giovanni Sanga ha dichiarato un imponibile di 132.565 euro, mentre il reddito dell'anno precedente era stato di 144.187. Segue il collega di partito Antonio Misiani, con un importo di 128.817 euro contro i 130.016 del 2009. Anche il reddito della senatrice del Pdl Alessandra Gallone è sceso, passando da 129.375 euro a 127.935 euro. Due parlamentari hanno dichiarato lo stesso imponibile: si tratta di Ettore Pirovano, della Lega Nord, e di Ivan Rota, dell'Idv: entrambi hanno dichiarato un imponibile di 124.714 euro. Pirovano, presidente della Amministrazione provinciale di Bergamo, si è dimesso da parlamentare nel dicembre dello scorso anno. Sedicesimo posto per Carolina Lussana, del Carroccio, con un reddito di 124.285, in discesa rispetto ai 132.364 euro dichiarati nel 2009. Il senatore Mauro Ceruti, del Partito democratico, ha dichiarato 123.744 euro contro i 135.593 dell'anno precedente.

Di poco inferiore l'imponibile del deputato Pierguido Vanalli: l'esponente della Lega Nord ha presentato una dichiarazione dei redditi di 121.065, un importo inferiore rispetto ai 126.326 euro di dodici mesi prima. Chiude la classifica il parlamentare Sergio Piffari, segretario regionale dell'Italia dei valori.

fa.tinaglia

© riproduzione riservata