Venerdì 01 Giugno 2012

Protezione civile al Family Day:
in campo 390 bergamaschi

Sono oltre 5.000 i volontari della Protezione civile lombarda e 4.600 gli agenti di polizia locale sul campo, da venerdì a domenica, in occasione della visita a Milano di Papa Benedetto XVI.

Per quanto riguarda la Protezione civile, 678 appartengono alla colonna mobile regionale, gli altri arrivano da quelle provinciali: 390 da Bergamo; 310 da Brescia; 332 da Como; 280 da Cremona; 75 da Lecco; 150 da Lodi; 1.668 da Milano; 300 da Monza e Brianza; 445 da Pavia; 150 da Sondrio e 315 da Varese.

La provincia di Mantova impegnata, con l'emergenza terremoto, non ha evidentemente distaccato i propri uomini. Gli agenti di polizia locali appartengono invece ai corpi di Milano città e provincia, Bresso, Cinisello Balsamo, Cormano, Cusano Milanino, Paderno Dugnano e Sesto San Giovanni. In media saranno 1.500 al giorno.

SEMPRE IN PRIMA FILA
«Come sempre - sottolinea Romano La Russa, assessore regionale alla Protezione civile, Polizia locale e Sicurezza - siamo in prima fila in caso di necessità o di eventi come quello cui ci stiamo preparando. I volontari della Protezione civile forniranno anche un importante supporto agli agenti di Polizia locale nella gestione della viabilità e delle zone a traffico limitato".
Da una parte, dunque, i volontari accoglieranno e instraderanno i fedeli in 6 stazioni della metropolitana (Sesto Fs, Marelli e Rondò, Loreto, Affori e Zara), lungo 2 linee del tram (31 e 4), 11 stazioni ferroviarie (Sesto FS, Garibaldi, Centrale, Greco, Lancetti, Bovisa, Cadorna, Affori, Bruzzano, Cormano Brusuglio, Cusano), lungo 12 arterie viabilistiche di accesso, 12 parcheggi bus (Bisceglie, Cinisello, Cormano, Cusano, Molino Dorino, Paderno Dugnano, San Donato M3, San Siro, Sesto San Giovanni 1 e 2, Milano via Chiese), 5 accessi ZTL (Sesto, Paderno, Cusano, Bresso, Cinisello). Dall'altra gli agenti si adopereranno nel controllo viabilistico della zona rossa».

«Uno sforzo notevole» - conclude La Russa, annunciando che sabato si recherà a salutare questi uomini per ringraziarli della disponibilità già dimostrata. «Sono sempre pronti a mettersi a disposizione, in maniera professionale e competente, della collettività e delle istituzioni. A tutti loro va il mio ringraziamento e plauso personale, a maggior ragione in un periodo particolarmente difficile, con centinaia di volontari impegnati contestualmente nel mantovano a sostegno delle popolazioni colpite dal terribile terremoto».

r.clemente

© riproduzione riservata