Domenica 12 Agosto 2012

Sagra degli uccelli col botto:
presenti 16 mila appassionati

In 16.000 tra cacciatori, appassionati e semplici curiosi hanno riempito il parco Sant'Uberto, fulcro della 78ª «Sagra degli uccelli» di Almenno San Salvatore, presieduta da Diego Cornali.

Già dalle primissime ore dell'alba il canto di tordi, merli e fringuelli ha risvegliato gli almennesi preannunciando una giornata all'insegna del mondo venatorio e della natura. Più di un centinaio di stand di espositori provenienti dal nord e dal centro Italia hanno proposto il meglio del settore venatorio.

A fine giornata si sono in buona parte dichiarati soddisfatti della kermesse, sia nel settore dell'abbigliamento e degli accessori per la caccia, sia tra gli allevatori professionali o amatoriali.

Tanti sguardi curiosi sono stati catalizzati dai cani che hanno preso parte alla «Mostra mercato» dei cani da caccia e pastore bergamasco, ma anche dall'esposizione naturalistica dei nidi degli uccelli più noti, e da un roccolo in miniatura.

E proprio sulla questione dei roccoli ha esordito Lorenzo Bertacchi, presidente di Federcaccia, nel suo intervento di fronte ad una platea di cacciatori, sottolineando che «la vittoria del ricorso al Tar della provincia sulla legittimità dei roccoli è positivo e per la prossima stagione ci sarà una grande soddisfazione, nonostante il cielo non sia particolarmente sereno».

Applausi e premi sono fioccati per i vincitori della gara di canto degli uccelli silvani e non solo. I primi posti: per il tordo bottaccio Davide Di Benedetto, per il tordo sassello Mirko Venturini, per il merlo, Rocco Grieco, per il fringuello Luigi Trezzi, per l'allodola Luigi Terzi, per la tordina, a pari merito Luigi Spillare, Stefano Lancini e Federico Spillare.

Tutti i dati e i premi su L'Eco di Bergamo del 13 agosto

r.clemente

© riproduzione riservata