Giovedì 24 Gennaio 2013

Longuelo, esplode una palazzina
Marito e moglie in gravi condizioni

Una palazzina è andata distrutta in uno scoppio provocato da una fuga di gas in un appartamento di via Longuelo. L'incidente è avvenuto alle 5.47 in una palazzina di due piani al civico 117, nei pressi di via Perosi, proprio al confine con Curno. Nella casa - di vecchia costruzione - erano presenti, al momento dell'incidente, otto persone, due delle quali sono in gravi condizioni.

Sul posto i vigili del fuoco di Bergamo che hanno spento le fiamme e messo in sicurezza la zona. Si pensa che lo scoppio sia stato causato da una perdita di gas al secondo piano. Quattro anziani, senza alcuna ferita, sono stati portati all'ospedale Humanitas Gavazzeni per precauzione ma le loro condizioni erano buone e poco dopo essere stati visitati si sono trasferiti da alcuni parenti.

Gravi invece due coniugi che hanno riportato ustioni estese: sono un uomo di 50 anni e una donna di 35. La coppia è stata dapprima portata al nuovo ospedale Papa Giovanni in prognosi riservata: in mattinata l'uomo è stato poi portato al Centro Grandi Ustionati di Verona, mentre la moglie è stata trasferita a Parma. Illesi due giovani che hanno prestato i primi soccorsi: si tratta di un ragazzo armeno e di un italiano.

A dare l'allarme i residenti della zona. Il fragore dell'esplosione è stato sentito in tutta la zona, molto popolata. Via Longuelo è infatti la strada principale del quartiere; la zona ora è transennata. Polizia locale, gli agenti della questura e i vigili del fuoco sono rimasti sul posto per tutta la mattina. Nella via è stato istituito il senso unico alternato con un semaforo: l'edificio è pericolante e considerato inagibile sia dai vigili del fuoco sia dai tecnici del Comune.

La fuga di gas avrebbe causato l'esplosione nell'appartamento dove risiede la coppia ora in gravi condizioni. La palazzina è completamente inagibile, la facciata è sventrata, i muri non crollati pericolanti e i pompieri hanno lavorato per tutto il giorno per mettere in sicurezza lo stabile. Si tratta di una casa che ha al piano terra due attività commerciali - un parrucchiere e un "Compro Oro" - oltre a due piani con sei appartamenti. Anche i negozi sono inagibili.

Leggi di più su L'Eco in edicola venerdì 25 gennaio

fa.tinaglia

© riproduzione riservata