Venerdì 25 Gennaio 2013

Per le iscrizioni serve una email
Oppure si deve chiedere a scuola

Non sono finite le difficoltà per iscrivere i figli a scuola con il nuovo sistema online. Dopo l'ingorgo del sistema per troppi accessi contemporanei, dopo la precisazione che non tutte le scuole paritarie si sono iscritte a «La scuola in chiaro» (l'anagrafe degli istituti dalla quale ricavare i dati necessari all'iscrizione), dopo la scoperta che i ragazzi delle medie che scelgono i corsi regionali professionali Iefp organizzati da enti accreditati e non all'interno degli Istituti professionali statali devono iscriversi sul sito dell'Anagrafe regionale studenti e non sul sito del Miur, ora arriva anche la precisazione, a cura dell'Ufficio scolastico regionale, che il genitore, anche se non possiede un computer, deve però avere un indirizzo di posta elettronica.

Se non ce l'ha, solo le segreterie delle scuole sono autorizzate a sostituirsi al genitore e a ricevere nella propria casella di posta il messaggio di avvenuta registrazione prima e di conferma di iscrizione poi.

Che cosa significa? «Che possono verificarsi tre casi – spiega Vincenzo Luongo della sezione tecnologie dell'Ufficio scolastico – il primo è che il genitore abbia computer, internet, e la sua casella di posta elettronica. Può procedere da solo all'iscrizione. Oppure un genitore non possiede un computer ma ha una casella di posta. In questo caso gli basta trovare un computer d'appoggio o un internet point e può procedere. Ma se il genitore non ha l'indirizzo di posta elettronica, o se lo crea o deve rivolgersi alle scuole e non ad altri punti d'aiuto, perché non possono mettergli a disposizione la propria casella di posta elettronica».

Leggi tutto su L'Eco di Bergamo del 25 gennaio

r.clemente

© riproduzione riservata