Roberto Bruni al Giorno della Memoria
«Teniamo desto il ricordo dei giovani»

Figlio di Eugenio, deportato a Dachau, nipote di Roberto, deceduto nello stesso campo di concentramento e di cui porta il nome, domenica 27 gennaio Roberto Bruni, come di consueto, ha partecipato alle celebrazioni della Giornata della Memoria.

Roberto Bruni al Giorno della Memoria «Teniamo desto il ricordo dei giovani»

Figlio di Eugenio, deportato a Dachau, nipote di Roberto, deceduto nello stesso campo di concentramento e di cui porta il nome, domenica 27 gennaio Roberto Bruni, come di consueto, ha partecipato alle celebrazioni della Giornata della Memoria. «Una giornata - spiega Bruni - dedicata al ricordo di atrocità storiche ma importante, per me, anche dal punto di vista dei sentimenti familiari».

«È fondamentale tenere desta la memoria di ciò che è stato - ha detto Bruni - soprattutto per le giovani generazioni, poiché altrimenti la barbarie dell'Olocausto può apparire quasi incredibile. È la memoria il miglior antidoto per tener testa alle tentazioni dell'animo umano di lasciarsi andare all'odio».

«La storia - prosegue Bruni - ci ha dimostrato che certi orrori possono ripetersi. Per questo ogni più piccolo e all'apparenza poco significativo cedimento a sentimenti razzisti è un reale pericolo per l'umanità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA