Mercoledì 15 Maggio 2013

Servizi sociali, soldi finiti
Grido disperato dei sindaci

«I servizi sociali sono al collasso. I Comuni stanno impegnando soldi che non hanno». Il grido disperato è di Leonio Callioni, presidente del Consiglio di rappresentanza dei sindaci dell'Asl di Bergamo, che venerdì - alle 15,30 in sala Lombardia all'Asl - ha invitato i neo consiglieri regionali bergamaschi, compreso l'assessore Claudia Terzi, per chiedere un aiuto urgente, anzi urgentissimo, sul welfare.

Presidente, si è montato la testa? Il Consiglio di rappresentanza dei sindaci dell'Asl non è nemmeno un ente giuridico e lei convoca tutti i nostri amministratori regionali? A che titolo?
«È sicuramente un incontro anomalo, ma credo che dovrebbe diventare una prassi un paio di volte all'anno. I sindaci sono disperati e poiché le competenze sui servizi sociali fanno capo alla Regione, non potevo che rivolgermi ai nostri colleghi bergamaschi che potranno incidere al Pirellone».

Siamo così messi male?
«Comuni e Ambiti territoriali non sono più in grado di mantenere il livello di programmazione e di gestione dei servizi alla persona costruito in questi anni con enorme impegno».

Chi ha chiuso i rubinetti dei finanziamenti?
«Lo Stato. È addirittura dal 2011 che gli Ambiti territoriali non ricevono finanziamenti: gli ultimi fondi nazionali per il sociale assegnati ai territori risalgono al 29 dicembre 2011 ed erano "solo" 2.240.000 euro circa».

Leggi tutto su L'Eco di Bergamo del 15 maggio

r.clemente

© riproduzione riservata