Giovedì 23 Maggio 2013

Il Consorzio di bonifica?
«Un ingiustificabile balzello»

Da componente (pro tempore) del Consiglio di Amministrazione consortile, eletto in rappresentanza della lista "Cittadini &Consumatori", e rappresentante provinciale di Federconsumatori,  Umberto Dolci ripropone all'opinione pubblica  un  "vecchio" tema su cui riflettere: l'abolizione del tributo dovuto al Consporzio di bonifica della media Pianura bergamasca.

«La motivazione di tale iniziativa - spiega - è semplice: la tutela  idrogeologica del territorio è affidata ai Comuni, alle Provincie, alle Regioni e ai Consorzi di Bonifica. Fosse in carico ad un unico Ente (la Regione) sarebbe meglio. Per i Cittadini dov'è la differenza? Ai Cittadini la "Politica" deve spiegare perché, oltre alle tasse nazionali, regionali e comunali, a chi già  paga per l'erogazione dell'acqua, per la fognatura e per la depurazione, se è proprietario di immobile, si impone di   pagare anche per il Consorzio.
Quella per il Consorzio è una  tassa ingiustificabile che affligge oltre 270.000 bergamaschi: il nuovo governo della Regione Lombardia    dovrebbe dare  prova di responsabilità abolendo l'odioso balzello. A parte l'abolizione della tassa, che già risolverebbe un problema,  se si abolissero anche i consorzi si realizzerebbero notevoli economie. Soltanto a Bergamo, pur realizzando le opere necessarie al mantenimento dell'equilibrio  idrogeologico,   si eliminerebbero nell'ordine:  il costo di una sede; elezioni dispendiose per eleggere il CDA; la spesa per il funzionamento del CDA;  un servizio d'esazione affidato a terzi, che costa ai contribuenti più di 700.000 € l'anno; un sistema di tassazione basato su dati ottenuti a pagamento dal catasto; un proprio sistema di elaborazione dati;  decine di migliaia di euro per accattivarsi la benevolenza dell'opinione pubblica (pubblicazioni varie, sponsorizzazioni a manifestazioni, ecc…); centinaia di migliaia di euro all'anno in parcelle versate  ad avvocati ed esperti  per  "difendersi"  dai Cittadini organizzati (anche da legali) che si oppongono al tributo; ecc..»

Umberto Dolci

a.ceresoli

© riproduzione riservata