Venerdì 24 Maggio 2013

Ospedale, trapianti nei bambini
Siamo il meglio dell'Europa

Ha conquistato nel 2011 la «medaglia d'oro» per i trapianti in tutta la Lombardia, nello stesso anno aveva già superato i mille trapianti di fegato, conteggiati dal 1997 quando venne effettuato il primo e nel 2012 ha raggiunto quota 500 trapianti di fegato pediatrici entrando di diritto nella rosa degli altri cinque punti di riferimento europei (Londra, Birmingham, Parigi, Madrid e Berlino): con queste «referenze» il Papa Giovanni XXIII si accinge a festeggiare l'edizione 2013 della Giornata per la donazione degli organi.

Alle 21 nell'hospital street ci sarà un concerto: si esibirà la band ArchMusic Quartet, composta da due architetti (Alberto Moreschi e Luigi D'Alessandro) con la passione per la musica e due musicisti professionisti (il pianista Fabrizio Garofoli e il batterista Norberto Tarenghi). Il gruppo proporrà il proprio repertorio ispirato alla musica degli anni '60 e '70, che sarà possibile ascoltare con arrangiamenti originali swing/jazz, grazie alle improvvisazioni di due noti jazzisti bergamaschi, special guest della serata, Marco Gotti e Fabio Brignoli, e alla voce di Yaya (Gaia Bonzi). La società Bhp che gestisce il parcheggio dell'ospedale offre 350 posti gratuiti per assistere al concerto.

Anche il 2013 conferma l'eccellenza dell'Azienda ospedaliera: al 30 aprile di quest'anno effettuati 3 trapianti di cornee, 4 di cuore, 11 di fegato su adulti, 6 di fegato pediatrici, 40 di midollo (in questo caso la cifra è aggiornata al 31 marzo), 3 di polmone, 13 di rene, un combinato fegato/rene, 2 combinati fegato/pancreas, 3 combinati. In totale 86 trapianti effettuati in 4 mesi, e di questi 43 di organi. Non si ferma, come è fondamentale, l'attività di donazione: nei primi 4 mesi del 2013 al Papa Giovanni sono stati 6 i segnalati e 4 i prelevati, uno giudicato non idoneo e una sola opposizione, mentre in provincia sono stati 3 i segnalati, e tra questi un donatore di 93 anni, due prelevati e una sola opposizione.

Leggi di più su L'Eco di Bergamo in edicola

e.roncalli

© riproduzione riservata