Lunedì 24 Agosto 2009

Sant'Alessandro, aperti anche i musei
della Fondazione Bergamo nella Storia

In occasione della festa di S. Alessandro, patrono di Bergamo, mercoledì 26 agosto i musei della Fondazione Bergamo nella storia resteranno aperti gratuitamente al pubblico con i seguenti orari:

Museo storico, sezione Ottocento - Rocca di Bergamo 9.30-19.00

“La città visibile. Bergamo nell'archivio fotografico Sesini. omaggio a Domenico Lucchetti” - convento di San Francesco 9.30-19.00

Campanone - piazza Vecchia 9.30-21.30

Museo Donizettiano - via Arena 9 9.30–13.00 / 14.00–17.30

Torre dei Caduti - piazza Vittorio Veneto 9.30-12.30 / 15.00-18.00 In alcune sedi museali i visitatori avranno inoltre l’opportunità di conoscere e approfondire i temi legati alla storia della millenaria fiera cittadina dedicata proprio a S. Alessandro.

Alla mostra “La città visibile”, le fotografie dell’Archivio fotografico Sestini raccontano scene e momenti vissuti tra i casotti in pietra durante l’antica fiera che, ancora tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento, si svolgeva ogni anno sul prato di Sant’Alessandro; insieme a queste è possibile trovare anche le immagini della demolizione della Fiera e quelle del nuovo centro piacentiniano.

Sulle pareti che accompagnano il visitatore verso la sommità della Torre dei Caduti di piazza Vittorio Veneto, aperta eccezionalmente per la festa di S.Alessandro, alcuni pannelli realizzati dagli architetti Vanni Zanella e Leila Ciagà raccontano le trasformazioni urbanistiche del centro cittadino da luogo dove si svolgeva la fiera ad oggi. Dalla sommità della Torre si può godere della vista su città alta e sul nuovo centro urbano.

Anche all'interno del Museo storico in Rocca una sezione è dedicata alla storia della fiera nell’Ottocento: stampe, manufatti e manifesti richiamano i molteplici aspetti che la caratterizzavano: il commercio dei prodotti, gli spettacoli e la vita sociale. Inoltre un grande plastico riproduce in scala 1:3333 l’area del Sentierone e della Fiera prima del 1837.

a.ceresoli

© riproduzione riservata