Venerdì 23 Ottobre 2009

Credaro, le scuole riaprono lunedì
L'Asl: non è stata la decisione migliore

Le scuole e l'asilo di Credaro rimangono chiuse anche sabato 24 ottobre nonostante alcune polemiche sollevate nei giorni scorsi dal direttore sanitario Giuseppe Imbalzano. Giovedì 22, in serata, il sindaco di Credaro Heidi Andreina ha ricevuto un fax da parte dell'Asl dove veniva confermato il disappunto per la decisione presa.

Il sindaco da lunedì ha tentato assiduamente di mettersi in contatto con l'Azienda Sanitaria: «Non sapendo più come comportarmi ed essendo preoccupata per la situazione che degenerava - racconta il primo cittadino -, ho deciso di avvalermi dell'art. 50 comma 5° del decreto elgislativo 267/2000 emanando l'ordinanza "per provvedimenti contingibili ed urgenti" e ordinando la temporanea chiusura delle scuole».

Nel frattempo il sindaco Andreina e Imbalzano si sono incontrati nella giornata di venerdì 23 ottobre: «Ho agito in piena coscienza e lucidità per il bene della mia comunità - ha detto ancora il sindaco - e ancora giovedì altri bambini si sono sentiti male in classe durante le lezioni». Ora le scuole riapriranno lunedì le 10.30. Intanto dall'Asl arriva il commento del direttore sanitario: «L'obiettivo del sindaco era tranquillizzare - ha detto Imbalzano -, ma forse non era questa la migliore via da seguire: da aprile scorso c'è un'Unità di crisi che tiene sotto controllo la situazione: siamo attenti al problema e l'influenza A sta avendo un impatto modesto dal punto di vista della salute. Non crediamo ci sia motivo di allarmarsi».

fa.tinaglia

© riproduzione riservata