Sabato 10 Maggio 2014

Appalti sugli ascensori in ospedale

Rinvio a giudizio per 5 ad Alzano

L'ingresso dell'ospedale Pesenti Fenaroli di Alzano

Cinque rinvii a giudizio per l’accusa di turbativa d’asta: questo l’esito, venerdì mattina 9 maggio, dell’udienza preliminare nei confronti di due funzionari dell’Azienda ospedaliera Bolognini di Seriate e di tre imprenditori.

L’inchiesta era relativa a presunte irregolarità nella gestione degli appalti e nelle procedure di assegnazione di alcuni lavori, in particolare per l’adeguamento degli impianti di elevazione dell’ospedale «Pesenti Fenaroli» di Alzano.

I due funzionari finiti nel mirino della Procura sono Carlo Alberto Colombo, 40 anni di Paderno d’Adda, e Massimo Puricelli, 57 anni di Brivio: a loro veniva contestato in particolare, nelle rispettive funzioni di responsabile del procedimento e di responsabile dell’unità di risorse tecniche, edilizia e manutenzione, di aver il primo stabilito dei termini per la partecipazione alla gara d’appalto estremamente ristretti, mentre per il secondo di aver individuato cinque ditte da invitare alla procedura trascurando - secondo quanto contestato - che solo una di esse ne aveva i requisiti. Il tutto, secondo il castello accusatorio, per pilotare la scelta del vincitore.

A giudizio ieri sono stati mandati anche tre imprenditori: si tratta di Domenico ed Erika Panseri, padre e figlia di 64 e 39 anni di Bonate Sopra e Mapello, per la ditta Panseri Ascensori, e di Bruno Mariani, 63 anni di Capralba, per la ditta Tre.Vi.Lift srl. A loro viene addebitato di aver presentato offerte concordate, in modo da far vincere l’appalto alla Panseri, ditta che già operava nell’ospedale. Se ne riparlerà il 29 aprile 2015.

Leggi di più su L’Eco di Bergamo del 10 maggio

© riproduzione riservata