Martedì 28 Gennaio 2014

Assistenza educativa ai disabili

Dalla Provincia oltre 1 milione di €

Il palazzo della Provincia di Bergamo
(Foto by Frau)

Come previsto dal Protocollo d’intesa sottoscritto tra Regione Lombardia e Unione Province Lombarde in data 24 settembre 2013, la Regione Lombardia ha erogato alle Province un contributo a favore delle persone disabili da ripartire tra gli Enti locali territoriali che sostengono le spese di assistenza educativa degli alunni disabili.

A seguito del finanziamento la Provincia di Bergamo ha effettuato una rilevazione sui costi relativi all’anno scolastico 2013/2014 sostenuti dai Comuni, i quali a loro volta hanno richiesto un rimborso delle spese previste per l’anno scolastico 2013/2014 di 3.549.500,00 euro.

Con il provvedimento assunto in data odierna, la Giunta provinciale ha deliberato il riparto del contributo: il totale ammonta a 1.163.973,37 euro, pari circa l’82% della spesa sostenuta dagli Enti interessati per il periodo settembre/dicembre 2013. Il contributo verrà ripartito tra 137 Comuni che hanno garantito l’assistenza educativa a 462 alunni nelle scuole superiori.

Va sottolineato che con recenti note sia la Provincia di Bergamo sia l’Unione delle Province Lombarde hanno inoltrato richiesta alla Regione Lombardia per un nuovo contributo alle Province per l’esercizio 2014, per servizi che le Province sono costrette a erogare sulla base delle sentenze del Consiglio di stato e per i quali non hanno mai avute assegnate e trasferite le risorse necessarie.

“La tematica relativa all’assistenza educativa degli alunni disabili è particolarmente sentita sul territorio. A seguito dello stanziamento ottenuto dalla Regione Lombardia, la Provincia ha ritenuto opportuno provvedere immediatamente a ripartire la somma disponibile ai Comuni bergamaschi”.

Va ricordato che la Provincia di Bergamo si è sempre attivata con la Regione Lombardia per risolvere questo problema, anche in questi giorni si stia adoperando per trovare delle soluzioni definitive per evitare il contenzioso tra Provincia e Comuni, “perché il problema va risolto definitivamente e le famiglie non possono continuare a vivere nell’incertezza di chi deve garantire il servizio”, sottolineano il presidente della Provincia di Bergamo Ettore Pirovano e l’assessore alle Politiche sociali Domenico Belloli.

© riproduzione riservata