Sabato 31 Maggio 2014

Tornava dal lavoro con l’eroina

Scarcerata dal giudice la bidella

Ha ammesso di aver spacciato eroina, ma mia a scuola. Nel giro è caduta dopo un periodo tragico per la perdita del marito e del figlio. Dopo aver ascoltato la sua confessione il giudice dell’udienza preliminare ha disposto la scarcerazione della bidella - incensurata - disponendo l’obbligo di firma.

L’udienza di convalida si è tenuta nel carcere di via Gleno. I

carabinieri, venerdì pomeriggio, avevano arrestato a Bergamo la donna, 52 anni, bidella in una scuola della provincia. Rientrava dal lavoro, e in borsa aveva 20 grammi di eroina e un bilancino di precisione.

Le manette ai polsi sono scattati venerdì poco dopo le 15. I militari - che la tenevano d’occhio e la seguivano da qualche tempo - la hanno aspettata sotto casa.

Immediatamente è stata controllata la borsa della bidella, ed è saltata fuori la droga e la bilancia. Poi la perquisizione è stata estesa all’abitazione, dove sono stati trovati documenti e altri elementi che confermavano la tesi dello spaccio formulata dagli inquirenti.

Per la 52enne è stato disposto l’arresto e la donna è finita nel carcere di via Gleno: ha ammesso tutto davanti al giudice, che però ha disposto la scarcerazione tenendo conto del fatto che la donna era incensurata e con un passato tragico alle spalle.

© riproduzione riservata