Sabato 15 Marzo 2014

«Caro Stato, ecco 42 milioni di Irpef

Ma al Comune ne è arrivato solo 1»

Panorama di Alzano Lombardo

«Renzi è sindaco come me, capirà che è impossibile pagare quasi 42 milioni di euro e vedersene rientrare dallo Stato soltanto uno». Questione di «iniquità: è anche per questo che abbiamo scritto al presidente del Consiglio».

Doriano Bendotti da circa un anno regge il Comune di Alzano, 13.100 abitanti, 10 milioni di entrate l’anno e, per farla breve, un milione circa di risorse vincolate dal Patto di stabilità. Soldi che ci sono ma non si possono spendere, «un enorme problema che abbiamo manifestato a Matteo Renzi».

Mercoledì 12 marzo: il governo annuncia che sì, sul piatto sono stati messi 3,7 miliardi di euro per finanziare, in tutta Italia, 10.000 interventi di edilizia scolastica. «La scuola è una priorità», dice Renzi aggiungendo che è consigliabile fare alla svelta e segnalare i casi meritevoli (meglio: bisognosi, da ultima spiaggia) di finanziamento.

Detto, fatto: manco fosse l’ennesimo clic day, da Alzano giovedì parte via posta elettronica certificata e raccomandata con ricevuta di ritorno una doppia richiesta, indirizzata proprio al presidente del Consiglio dei ministri. Dove si segnalano «interventi da eseguirsi presso l’edificio della scuola dell’infanzia “Maria Franzi” sita in via Olera 7 o, se non fossero prese in esame le scuole dell’infanzia, la scuola di istruzione primaria “Luigi Noris” sita in viale Roma».

Ecco quindi che la lettera inviata a Roma si chiude con l’«attesa di ricevere le risorse necessarie, nonché la disponibilità di Patto di stabilità per l’appalto dei lavori». Messaggio inviato. Bendotti chiarisce meglio il concetto mostrando i numeri degli ultimi anni: lo Stato ha incamerato, dal 2009 al 2011 (ultimo anno i cui dati sono certi) 39 milioni, poi 40 e poi ancora 41 dall’imposta netta Irpef versata dai contribuenti di Alzano. «E sapete quanti soldi abbiamo ricevuto da Roma in trasferimenti? – chiede Bendotti – 2.720.000 euro nel 2009 e, in decrescendo, fino a 1.691.000 euro nel 2013 che al netto è però un milione, visto che abbiamo versato 690.000 euro di Imu».

Leggi di più su L’Eco di Bergamo di sabato 15 marzo

© riproduzione riservata