Mercoledì 21 Maggio 2014

Carovana internazionale Antimafie

Sarà a Bergamo venerdì 23 maggio

Carovana antimafie a Bergamo in una foto d’archivio

Nelle oltre settanta tappe della Carovana Internazionale Antimafie, partita da Roma l’8 aprile e in arrivo a Bergamo venerdì 23 maggio, si parla, quest’anno, dei «nuovi schiavi» e della lotta alla tratta degli esseri umani: nell’edizione in cui si celebrano i vent’anni dal primo «viaggio[, la Carovana 2014 sarà ancora una volta l’occasione per condividere idee, informazioni, approfondimenti nella lunga lotta contro ogni mafia.

A Bergamo è in programma un volantinaggio per venerdì 23 maggio dalle ore 17 alle 19 sul viale Papa Giovanni 118 (davanti alla sede di Bergamo TV, dove i furgoni della Carovana faranno tappa per la partecipazione degli organizzatori alla trasmissione «Incontri»).

A distribuire volantini e materiale informativo sull’iniziativa ci saranno, fra gli altri, Rocco Artifoni del Coordinamento provinciale di Libera, Luciana Fratus per la Cgil provinciale, Francesco Breviario per la Cisl di Bergamo e Massimo Cortesi dell’Arci.

La Carovana Antimafie è nata nel 1994 da un’idea dell’Arci Sicilia. Inizialmente si svolgeva in appena dieci giorni di viaggio, da Capaci a Licata, in un percorso che, a un anno e mezzo dalle stragi di Capaci e via D’Amelio del 1992, si proponeva di portare solidarietà a coloro che in prima fila operavano per la legalità, la giustizia e le opportunità di crescita sociale, ma anche per sensibilizzare le persone e tenere alta l’attenzione sul fenomeno mafioso, promuovendo impegno sociale e progetti concreti.

Oggi, organizzata a livello nazionale da Arci, Libera, Avviso Pubblico con Cgil, Cisl e Uil e con Ligue de l’Enseignement (l’organizzazione francese che si batte per una scuola pubblica e laica), Carovana Antimafie festeggia vent’anni di vita. La Carovana è in Lombardia dal 22 al 29 di maggio. Toccherà le città di Milano, Pavia, Cremona, Mantova, Brescia, Sondrio, Lecco, Como e, appunto, Bergamo.

http://www.carovanaantimafie.eu/

© riproduzione riservata