Giovedì 27 Marzo 2014

Gargano in campo con L’Altra Bergamo

«Tentorio e Gori? Sono inaffidabili»

Rocco Gargano (a sinistra) e il sindaco Franco Tentorio
(Foto by Bedolis Foto)

«L’altra Bergamo» sta con Rocco Gargano. La lista che sostiene la candidatura a sindaco dell’avvocato quarantunenne «rappresenta l’alternativa che non si riconosce in Gori e Tentorio, inaffidabili, e che, rifacendosi al modello Tsipras in Europa, sta dalla parte dei cittadini e non dei poteri costituiti».

Come «gli imprenditori del mattone a cui sono sottostate fin qui le amministrazioni. Tra i nostri primi obiettivi, infatti, c’è la riduzione dei volumi del Piano di governo del territorio», ingrana la marcia il frontman di MicroMega, che respinge la definizione di «signor no» e annuncia di avere «un programma molto propositivo e pieno di idee».

Ne distilla alcune pillole: oltre all’urbanistica («A misura di ambiente e mobilità dolce»), l’aeroporto («L’espansione non dev’essere illimitata»), la casa («Non esiste che il Comune ha 200 immobili inutilizzati perché non ha risorse per ristrutturarli, quando poi spreca i soldi per campagne fallimentari come “Bergamo capitale della cultura”»), i trasporti («Servono una migliore integrazione tra i mezzi pubblici e più piste ciclabili»), e la collaborazione con gruppi e associazioni: «Il Comune dev’essere un facilitatore per integrare le diverse proposte, dare loro spazio e farle conoscere».

La presentazione nella sala Cutuli di Palafrizzoni, dove a un certo punto fa incursione anche Franco Tentorio (di passaggio per andare in Giunta), che non perde l’occasione per una sportiva stretta di mano al suo avversario.

Leggi di più su L’Eco in edicola giovedì 26 marzo

© riproduzione riservata