Giovedì 15 Maggio 2014

Imiberg, presunto abuso edilizio

Assolti tutti i dieci imputati

La palestra dell'Imiberg

Tutti assolti: è stato questo l’esito stamattina, giovedì 15 maggio, dell’udienza preliminare relativa al presunto abuso edilizio relativo alla realizzazione della palestra dell’Imiberg e al collegato presunto abuso d’ufficio da parte di funzionari del Comune per favorire la realizzazione della struttura stessa.La decisione è del gup Giovanni Petillo.

Assoluzione perché il fatto non costituisce reato per l’abuso edilizio e assoluzione perché il fatto non sussiste per l’abuso d’ufficio.

Le richieste di condanna formulate dal pm Franco Bettini erano un po’ diverse: tre richieste di assoluzione dall’accusa di abuso d’ufficio, altrettante di condanna a otto mesi di reclusione per lo stesso reato, e quattro invece per abuso edilizio, a quattro mesi di arresto ciascuno, tutti con il beneficio della sospensione condizionale della pena.

Il pm aveva chiesto di assolvere perché il fatto non sussiste tre funzionari del Comune di Bergamo: Maria Giuditta Favale, responsabile del procedimento, Francesco Nicoli, responsabile dell’ufficio Interventi diretti e Massimo Casanova, superiore dei primi due. Sempre per abuso d’ufficio aveva invece chiesto la condanna a 8 mesi (pena sospesa) per Giorgio Cavagnis, Gianluca Della Mea e Marina Zambianchi, membri della commissione urbanistica e progettisti del Pgt. Quattro mesi di arresto (sospesi) per il presunto abuso edilizio, infine, erano stati chiesti per il legale rappresentante della Fondazione Maddalena di Canossa, Lino Bussei, il legale rappresentate dell’impresa costruttrice Nuovo Modulo di Vertova Lorenzo Bernini, e il direttore dei lavori Massimo Bressanelli; sei mesi (sospesi) per il progettista Mauro Piantelli. Il gup ha invece assolto tutti.

L’Amministrazione comunale di Bergamo esprime in un comunicato la propria soddisfazione per la sentenza di assoluzione che ha pienamente prosciolto tutti i dipendenti comunali la cui condotta era stata esaminata nell’ambito delle indagini per la costruzione della cosiddetta palestra Imiberg.

© riproduzione riservata