La Caritas per Mirandola
Inaugurata la nuova chiesa

Sabato scorso è stata inaugurata una nuova chiesa a Mirandola, colpita dal terremoto, realizzata grazie all’intervento di Caritas Bergamo, in condivisione e accordo con Caritas italiana, che già a partire dalle prime ore dopo il sisma si era attivata per raccogliere fondi.

La Caritas per Mirandola Inaugurata la nuova chiesa
link

Il terremoto del maggio 2012 aveva fatto crollare timpano e parte delle volte della piccola chiesa dedicata ai Santi Giacomo e Filippo Apostoli, mentre il campanile era stato dichiarato pericolante. Nel comune di Mirandola, nella località di 1.200 anime che prende il nome di San Giacomo Roncole, sabato scorso è stata inaugurata una nuova chiesa, realizzata grazie all’intervento di Caritas Bergamo, in condivisione e accordo con Caritas italiana, che già a partire dalle prime ore dopo il sisma si era attivata per raccogliere fondi e portare aiuto alla popolazione emiliana.

Presenti all’inaugurazione una delegazione della Caritas diocesana, il parroco don Gino Barbieri e il vescovo della diocesi di Carpi, monsignor Francesco Cavina, il cui ministero è stato segnato dal terremoto, essendo stato nominato vescovo nel novembre del 2011.

«Per la comunità è importantissimo ritrovare un luogo di aggregazione ed incontro – sottolinea il vescovo –. Questa struttura comunitaria è una benedizione del Signore. Grande è la gratitudine e la riconoscenza nei confronti della Caritas di Bergamo che ha sostenuto il progetto. Il terremoto in chi lo ha vissuto ha provocato non solo danni materiali: ha lasciato profonde ferite nell’anima e nello spirito, segni che fanno fatica a rimarginarsi. La gente vive nell’ansia, nell’insicurezza, nella paura. Ci vorrà molto tempo per superare il trauma vissuto. E c’è bisogno di incontrarsi, parlare, pregare insieme. Per questo ho richiesto per la Diocesi la presenza di quattro comunità di religiose, venute da fuori. Le ho invitate a visitare le famiglie, offrire ascolto e vicinanza. Sarebbe bello che anche dalla Diocesi di Bergamo potessimo avere questo aiuto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA