Martedì 22 Gennaio 2013

Le minoranze scrivono al sindaco:
non nominare un nuovo assessore

Le minoranze di Palazzo Frizzoni hanno inviato una «lettera aperta» al sindaco di Bergamo, FrancoTentorio, chiedendogli  che non si proceda alla nomina di un nuovo assessore dopo le preannunciate dimissioni di Cristian Invernizzi dalla carica di assessore alla Sicurezza.

«Egr. Sindaco - scrivono i firmatari del documento -, con riferimento alle annunciate dimissioni dell'Assessore Invernizzi dalla Giunta di Palazzo Frizzoni, in quanto candidato alla Camera dei Deputati nelle prossime elezioni politiche, con la presente Lettera aperta siamo a chiederti di non procedere alla nomina di un nuovo Assessore e tutto ciò per motivi di evidente opportunità».

«Si tratta non tanto o non solo di opportunità politiche che non tocca a noi stabilire, quanto di opportunità istituzionali che si possono riassumere nel seguente modo: la prossima giunta, per effetto della legge 42/2010, non potrà avere più di otto Assessori oltre al Sindaco, cosa peraltro già sperimentata in precedenti Amministrazioni. Evitando la nomina di un nuovo Assessore l'attuale giunta scenderebbe a dieci avviandosi verso quanto previsto dalla nuova normativa; l'avvicinarsi della scadenza elettorale rende ancor più giustificata questa nostra richiesta; peraltro la sicurezza, per legge, di fatto è già in capo al Sindaco; quindi si tratterebbe di fare uno sforzo in più in nome della collettività; è di tutta evidenza che vi sarebbe anche un risparmio economico che, pur non risolvendo i problemi di un Comune come il nostro, sarebbe sicuramente d'aiuto».

«Non è nostro compito entrare nelle dinamiche della maggioranza che sicuramente starai già considerando; ci auguriamo solamente che questo suggerimento venga accolto. Sul tema non vogliamo compiere alcuna strumentalizzazione, ma semplicemente ribadire le ragioni di opportunità istituzionale. Ti ringraziamo per l'attenzione e cogliamo l'occasione per porgerti cordiali saluti».

I gruppi consiliari di Partito Democratico, Lista Bruni, UDC, Italia dei valori, Verdi

a.ceresoli

© riproduzione riservata