Giovedì 24 Aprile 2014

«Opere segno» e veglie di preghiera

nell’attesa di Papa Giovanni santo

Tanta gioia e commozione nell’intera diocesi nell’attesa dell’imminente canonizzazione di Papa Giovanni, che sarà iscritto nell’albo dei Santi domenica mattina in piazza San Pietro da Papa Francesco

Riguardo alle celebrazioni religiose di domenica, giorno della canonizzazione, l’Ufficio liturgico diocesano ha predisposto testi (scaricabili dal sito della diocesi ) per l’animazione liturgica di quattro momenti: le Messe celebrate nelle chiese, un momento di preghiera al cimitero nella comunione dei Santi, incontri di preghiera per ragazzi delle elementari e preadolescenti, la veglia di preghiera per adolescenti e giovani. I testi sono disponibili in allegato

Al riguardo di quest’ultima, la traccia proposta è «La vita è il compimento di un sogno fatto in giovinezza», che è una famosa frase di Papa Giovanni. L’Ufficio liturgico invita le parrocchie a tenere sabato, vigilia della canonizzazione, la veglia per adolescenti e giovani, per essere in comunione con Roma dove, nella stessa giornata, ci sarà una «notte bianca di preghiera» e tutte le chiese del centro resteranno aperte tutta la notte per consentire l’afflusso dei pellegrini di tutte le nazioni del mondo. Si ricorda inoltre che, per desiderio del vescovo Francesco Beschi, le offerte delle Messe di domenica saranno devolute al Fondo famiglia della Caritas bergamasca, così come la mensilità dei sacerdoti (le modalità dei versamenti sono sul sito della diocesi).

Il vescovo Beschi ha voluto connotare l’evento della canonizzazione di Papa Giovanni anche con sei «opere segno» che abbracciano povertà vicine, come il Fondo famiglia, lavoro, casa, e povertà lontane, come i terremotati di Haiti. Saranno finanziate dalla nostra diocesi e unite da due caratteristiche comuni: la condivisione con le famiglie che hanno perduto le sicurezze del lavoro e della casa e un rinnovato impegno educativo in direzione della solidarietà evangelica.

Presso la Libreria Buona stampa si può trovare materiale disponibile per l’evento della canonizzazione (manifesto, immagine con l’invocazione a San Papa Giovanni XXIII, una preghiera per i malati e una preghiera di benedizione delle famiglie. È stata anche predisposta una piattaforma digitale per la canonizzazione (pubblicata anche sul sito della nostra diocesi), con il sito ufficiale www.2papisanti.org. Il portale è in cinque lingue (italiano, inglese, francese, spagnolo, polacco) ed è stato realizzato tra Roma, Cracovia e Bergamo con la collaborazione della nostra diocesi e della Fondazione Giovanni XXIII, per ricordare, anche nella denominazione, l’importanza rappresentata dall’abbinamento dei due Papi Santi.

© riproduzione riservata