Mercoledì 25 Giugno 2014

Permesso di soggiorno, si cambia
Nuove regole anti-contraffazione

Ufficio Immigrazione, nuove regole per i permessi di soggiorno
(Foto by DANIEL DAL ZENNARO-ARCHIVIO)

Nuove regole per l’emissione del nuovo modello di permesso di soggiorno elettronico in conformità alle prescrizioni del regolamento Ce 380 del 2008. Proprio per questo motivo la Questura di Bergamo ha emesso in fase sperimentale il nuovo modello, quarto ufficio Immigrazione in Italia a farlo dopo quelli di Viterbo, Terni e Padova.

La principale novità del permesso di soggiorno, rispetto al precedente, riguarda l’impiego di un microprocessore a radiofrequenza integrato nel supporto del documento e non visibile esternamente, destinato a garantire maggiori standard di sicurezza sui dati anagrafici e biometrici del titolare del passaporto, l’immagine del volto e delle impronte digitali presenti. Questo microprocessore permetterà, tra l’altro, di accedere a tutti i dati e a tuttte le Autorità di controllo presenti sul territorio dell’Unione Europea.

Inoltre, altra novità: ora sarà possibile rilasciare il permesso di soggiorno autonomo anche ai minori di 14 anni e nel documento è prevista la stampa dell’immagine del volto del titolare in bianco e nero, con l’impiego della tecnologia di incisione laser che assicura elevati livelli di anticontraffazione.

Il nuovo documento dovrà essere rilasciato agli stranieri che fanno richiesta di rilascio/rinnovo di permesso di soggiorno, sia a tempo determinato che indeterminato: l’introduzione del nuovo titolo di soggiorno comporterà per gli uffici di Immigrazione l’utilizzo di nuove postazioni attraverso le quali sarà consentito l’acceso a una versione del sistema informatico «stranieri web» più funzionale. Per le pratiche ancora in fase di istruttoria seconda il vecchio procedimento, sarà invece mantenuto, fino al loro termine, l’accesso al precedente portale web. Tutti i permessi di soggiorno rilasciati secondo il precedente sistema manterranno la loro validità fino alla scadenza.

© riproduzione riservata