Venerdì 06 Dicembre 2013

Sputi e insulti a un infermiere

31enne condannata a 5 mesi

Pronto Soccorso dell’ospedale di Treviglio
(Foto by Fabrizio Boschi)

Esattamente sette anni fa, il 6 dicembre 2006, sputò in faccia a un infermiere del Pronto soccorso dell’ospedale di Treviglio dove si era recata per una reazione allergica cutanea.

Ieri mattina una donna di 31 anni, attualmente residente a Sambuca Pistoiese, in Toscana, è stata condannata dal tribunale di Bergamo a cinque mesi di reclusione (con pena sospesa) e al pagamento delle spese processuali.

La trentunenne doveva rispondere dell’accusa di ingiurie e interruzione di pubblico servizio: in tribunale era presente il suo legale, mentre lei era assente. Presente anche l’infermiere, oggi trentatreenne e residente ad Albano Sant’Alessandro, che non si è però costituito parte civile (dunque non ha chiesto né ottenuto un rimborso) ma che era semplicemente la parte lesa, avendo sporto nei confronti della donna una denuncia.

«Sono davvero soddisfatto per questa sentenza, che aspettavo da sei anni esatti – spiega l’infermiere, oggi in servizio al nuovo ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo –: non l’ho fatto per essere rimborsato, visto che non mi sono costituito parte civile, ma solo per ottenere giustizia per un episodio davvero increscioso».

Ma cosa avvenne esattamente sette anni fa? Quel giorno l’infermiere, allora ventiseienne, era in servizio all’accettazione del Pronto soccorso dell’ospedale di Treviglio. A un certo punto era giunta la donna con una reazione allergica cutanea. L’infermiere le aveva assegnato un codice verde e l’aveva invitata ad aspettare il proprio turno nel triage d’attesa. Prima di lei nello stesso ambulatorio c’erano anche altri due pazienti, a ciascuno dei quali era stato assegnato un codice giallo.

Passata circa un’ora, un altro infermiere collega dell’allora ventiseienne all’accettazione, aveva chiamato un altro codice verde in attesa: quest’ultimo si era presentato al Pronto soccorso dell’ospedale di Treviglio dopo la donna con la reazione allergica cutanea, ma era diretto all’ambulatorio chirurgico, dunque la sua tipologia di visita era differente rispetto a quella della donna. Era stato in quel momento che la paziente aveva cominciato a insultare l’infermiere all’accettazione, minacciando lui e l’intera struttura ospedaliera. Dopodiché aveva sputato dritto in faccia all’infermiere, allontanandosi senza più farsi visitare.

L’infermiere non aveva lasciato correre il grave episodio, anche perché si era verificato tra lo sconcerto di altre persone presenti nel triage del Pronto soccorso trevigliese. Così alcuni giorni dopo aveva fatto scattare la denuncia: si era presentato dai carabinieri e aveva formalizzato la querela nei confronti della donna. All’epoca l’infermiere era in servizio all’ospedale di Treviglio da tre anni e mai gli era accaduta prima una cosa del genere. Né gli è fortunatamente successa nemmeno in questi sette anni successivi.

«Noi infermieri cerchiamo sempre di essere attenti alle esigenze degli altri e poi si verificano episodi come questo – commenta l’infermiere –: dopo il fatto mi sono chiesto se valesse la pena informare la gente, trattarla con gentilezza e prendersi cura dei suoi problemi quando alla base delle relazioni esiste sempre e comunque un’aggressività che tende ad annullare l’altro. Spesso egoismo e fretta fanno perdere di vista i valori della convivenza. Sono davvero soddisfatto che la giustizia abbia fatto il suo corso. Aspettavo questo giorno da sette anni».

Ieri mattina infatti il giudice del tribunale di Bergamo Lucia Graziosi ha condannato in contumacia la donna a 5 mesi di carcere.

Fabio Conti

© riproduzione riservata