Mercoledì 19 Settembre 2012

Stadio, quanto «costano» i teppisti?
Sembra strano, ma nessuno lo sa

Quanto costa il servizio di polizia locale e di pubblica sicurezza durante le partite interne di Atalanta e AlbinoLeffe? A quanto ammotano i danni subiti dai mezzi dell'Atb a causa dei tifosi? Quanto costano ai bergamaschi i danni arrecati allo stadio e ad altre cose di proprietà pubblica riconducibile ai tafferugli pre e post partita? Sembra strano ma nessuno lo sa. O almeno questo è quanto si evince dalla risposta che l'assessore ai Lavori pubblici, Alessio Saltarelli, ha dato ad una specifica interpelllanza presentata da Simone Paganoni, consigliere comunale della Lista Buni.

Per la verità l'interpellanza a risposta scritta era rivolta anche all'assessore alla Sicurezza, Cristian Invernizzi, a quello alla Mobilità, Gianfranco Ceci, e al sindaco, che però - ad oggi almeno - non hanno ancora risposto alle domande di Paganoni. Sta di fatto che i costi richiesti dal consigliere comunale non li conosce nessuno.

«Con riferimento al contenuto dell'interpellanza di cui all'oggetto e con particolare riguardo alla parte a me indirizzata - scrive Saltarelli - sono a comunicare che diventa estremamente difficile se non impossibile riuscire a determinare l'ammontare dei danni arrecati alla struttura dello stadio e/o ad altra proprietà pubblica all'esterno dell'impianto in quanto durante il campionato 2011/2012, che io sappia, non ho notizie di tafferugli pre e post partita ed anche non sono in grado di sapere se eventuali danneggiamenti di semafori, di aiuole, di cartelli stradali, di cabine telefoniche, ecc.., rilevati siano da ricondurre ai tifosi presenzianti alla partita oppure ad altre persone agenti in altri momenti sul territorio del Comune di Bergamo».

«Mi limito ad osservare - conclude Saltarelli - che spesso e volentieri si rilevano scritte su muri, monumenti, fontane, ecc.. ed atti vandalici aventi per oggetto panchine, semafori, segnaletica stradale verticale ed orizzontale ecc.. in occasione di manifestazioni varie e in moti luoghi della città. Colgo l'occasione per porgere i più distinti saluti».

Amaro il commento di Paganoni: «Scusate ma dove sono le risposte di Ceci, Invernizzi e del Sindaco? L'unico assessore che risponde in realtà non risponde e afferma di non avere i dati.... E' così che si risponde ad un'interpellanza?».

a.ceresoli

© riproduzione riservata