Giovedì 20 Settembre 2012

Stadio e Ztl, quanti costi in più?
Perché solo i tifosi gratis su Atb?

Federconsumatori ha inviato un comunicato in cui domanda ad Amministrazione comunale e Atb quali e quanti siano i costi che devono sostenere in più per potenziare il servizio allo stadio con l'introduzione della Ztl e perché solo i tifosi possano utilizzare gratis i mezzi pubblici.

«Premesso che l'iniziativa di provare a limitare i disagi dei residenti nella zona circostante Viale Giulio Cesare quando gioca l'Atalanta merita la dovuta considerazione, Federconsumatori ritiene che gli Amministratori di Bergamo e di Atb debbano informare i cittadini/contribuenti in cosa consista la «partnership» realizzata con la società calcistica per trasportare gratuitamente i tifosi allo stadio in occasione delle partite di calcio».

«La trasparenza è d'obbligo sempre; lo è ancora di più in questo periodo in cui, causa ristrettezze economiche e decisioni politiche, gli utenti del trasporto pubblico locale hanno subìto l'ennesimo aumento del prezzo dei biglietti. Il problema è che, dalla stampa, si legge che questa iniziativa comporta un investimento economico di cui non si capisce se l'onere del trasporto sia a totale carico dell'Atalanta o se sia ripartito tra Atb, Teb, Comune e Atalanta».

«In sostanza chiediamo quali e quanti siano i costi che Atb e Teb devono sostenere per "potenziare" le corse in occasione delle partite di calcio e chi li paga. Si vorrebbe anche sapere se il costo conseguente l'aumentata sorveglianza (più polizia locale) ancora una volta peserà sulle sole casse comunali».

«Infine, Federconsumatori ritiene discriminante il fatto che non si sia estesa a tutte le persone (non solo ai tifosi paganti il biglietto per la partita) la possibilità di utilizzare gratuitamente i mezzi di trasporto pubblico per transitare nella Ztl istituita per limitare i disagi ai residenti durante le manifestazioni atalantine».

Federconsumatori Bergamo

m.sanfilippo

© riproduzione riservata