Giovedì 19 Giugno 2014

Telgate, salasso sull’agibilità

Tassa triplicata: sale a 325 euro

Fabrizio Sala nuovo sindaco

Triplicata la tassa sull’idoneità alloggiativa a Telgate. Il nuovo importo è di 325 euro. Un caso che fa discutere, ma il primo cittadino Fabrizio Sala è fermo sulle sue posizioni: «Come avevamo anticipato in precedenza, siamo intransigenti e non faremo marcia indietro. La decisione, con delibera di Giunta, è stata presa per una questione di costi che l’amministrazione deve affrontare».

E spiega: «La certificazione di idoneità alloggiativa comporta un procedimento lungo e complesso che si articola in varie fasi: protocollazione della richiesta, esame della documentazione da parte degli uffici competenti, verifica della documentazione tecnica presentata a supporto della richiesta, sopralluogo congiunto di polizia locale e Ufficio tecnico comunale, eventuale verifica della documentazione e sul posto da parte di elettricista e di idraulico abilitati, rilascio della certificazione. Tale procedimento quindi presuppone una serie di costi sia relativamente alle ore di lavoro dei vari dipendenti comunali che interagiscono, sia con vari professionisti che devono essere interpellati per le verifiche sugli impianti che presuppongono una competenza specifica».

«Successivamente al rilascio delle certificazioni di conformità – prosegue Sala – è necessario effettuare una verifica relativamente ad eventuali alterazioni degli impianti, ad esempio bombole di gas aggiunte a seguito di sigillo del contatore di metano e così via. Negli ultimi anni queste certificazioni hanno subito un incremento sempre maggiore e con le scarse risorse a disposizione degli enti locali non si riesce ad assicurare una gestione economica del servizio. Da un’attenta valutazione del procedimento si è preventivata per l’Ente una spesa, per ogni pratica di idoneità alloggiativa, che si aggira intorno ai 325 euro. Nella fattispecie: ore di lavoro dei vari dipendenti comunali circa 160 euro, un’ora di un elettricista comprensivo di diritto di chiamata 61 euro oltre Iva del 22%, un’ora di un idraulico comprensivo di diritto di chiamata 61 euro più Iva, spese di cancelleria e benzina 19 euro. Queste verifiche sono indispensabili per verificare il rispetto delle norme, la sicurezza e l’incolumità dei nostri cittadini».

© riproduzione riservata