Mercoledì 08 Gennaio 2014

«Il treno si è fermato a Verdello

Mi hanno strappato il pc dalle mani»

La stazione di Verdello

Vita sempre più dura e ora anche pericolosa per i pendolari bergamaschi che, già inviperiti per i continui disservizi del servizio ferroviario, devono fronteggiare anche la micro-criminalità che si sta diffondendo sui treni.

Una pendolare ha scritto al Comitato Pendolari per comunicare che « ieri sera (martedì 7 gennaio, ndr), di ritorno dal lavoro, sul treno delle 20,10 da Milano Centrale per Bergamo sono stata derubata di un pc portatile, letteralmente sottrattomi dalle mani mentre il treno era fermo alla stazione di Verdello».

«Inutile ogni tentativo di rincorrere lo scippatore. Condivido con voi l’amarezza e il disagio di non potersi sentire tranquilli, neppure tornando a casa dopo una lunga giornata di lavoro».

Roberta Frigeni, laureata in Storia della filosofia medioevale, stava rincasando dopo una giornata di lavoro all’università milanese. «È stato un attimo. Ho alzato le mani dalla tastiera per controllare l’orario sul telefono e un ragazzo è sbucato da non so dove. Ha preso il laptop dallo schermo e si è lanciato fuori dal treno».

D’istinto la 36enne gli è corsa dietro: «Urlavo “Al ladro, al ladro”. Le persone sulla banchina mi hanno subito aiutato, alcuni si sono messi a rincorrerlo. Un ragazzo gli ha perfino fatto lo sgambetto, ma non è riuscito a bloccarlo». Il malvivente, felpa del Milan, vent’anni circa e lineamenti magrebini secondo i ricordi della pendolare, si è dileguato verso la massicciata.

L’amarezza della donna non è solamente per il danno economico, ma anche e soprattutto per il contenuto digitale: «Nel computer c’è tutto il mio lavoro, come dico sempre è la cosa più preziosa. Ecco perché lancio un appello al ladro o a chi venisse in possesso del Mac. Vi prego, fatelo ritrovare in qualche modo». Il pc ha dei segni che lo rendono riconoscibile: «Ha una piccola ammaccatura in basso a sinistra, inoltre tutte le icone sono a forma di cartoni animati con sembianze di gatto».

© riproduzione riservata