Martedì 06 Marzo 2012

Le imprese pronte investire:
bergamaschi fra i più innovativi

I più «innovativi» sono gli imprenditori di Varese, Como e Bergamo. Lo dice una ricerca della Camera di Commercio di Monza: la crisi - spiega - ha ridotto il budget delle imprese destinato agli investimenti, passando da una quota del 5% del giro d'affari nel 2011 al 2% nel 2012. Eppure un imprenditore su 5 sceglie di investire in macchinari e innovazione, innovazione che è anche un'esigenza delle imprese per rispondere alla crisi.

Le imprese lombarde - spiega l'enete brianzolo - sono pronte a investire 14 miliardi di Euro nel 2012. Anche se tra gli investimenti sono quelli innovativi i preferiti dagli imprenditori lombardi: l'obiettivo è creare nuove linee di prodotto e nuovi servizi per diversificare il portafoglio degli ordini, una necessità per il 17,7% delle imprese lombarde.

Gli investimenti in macchinari e nuove tecnologie sono prioritari per il 12,6% delle imprese e gli investimenti in innovazione di processi per il 7,3%. È quanto emerge dalla indagine Crisi e impresa 2012 che ha coinvolto circa 1.000 imprese lombarde e da una stima su dati Registro Imprese, Istat. I dati sono stati presentati durante la Giornata dell'innovazione

«L'innovazione non è solo monopolio delle grandi aziende ma riguarda tutte: le micro, piccole e medie imprese – ha dichiarato Carlo Edoardo Valli presidente della Camera di commercio di Monza e Brianza -. Come Camera di commercio scommettiamo sull'innovazione, perché è una condizione indispensabile per garantire continuità all'impresa, dal momento che, in questa fase di seconda globalizzazione, le tecnologie evolvono rapidamente e l'imprenditore necessita di strumenti sempre più avanzati per interpretare il cambiamento».

L'indagine, altri dati
Gli imprenditori che scelgono di più gli investimenti in innovazione sono quelli di Varese (31,1%), Como (22%) e Bergamo (20,5%). E l'innovazione è anche sentita come un'esigenza delle imprese per rispondere alla crisi: creare nuove linee di prodotto e nuovi servizi per diversificare il portafoglio degli ordini è una necessità per il 27,9% delle imprese di Varese, per il 17,2% delle imprese di Monza e Brianza, per il 16,2% di quelle di Milano.

Gli investimenti in macchinari e nuove tecnologie sono prioritari per il 16,1% delle imprese di Brescia e gli investimenti in innovazione di processi per il 18% delle imprese di Como.

r.clemente

© riproduzione riservata