Martedì 26 Giugno 2012

Banca Popolare di Bergamo:
il premio aziendale fa scuola

Asili nido, mense scolastiche, università e check up medico: diventa «sociale» il premio aziendale che lascia ad ognuno dei 3.700 dipendenti della Banca Popolare di Bergamo, primo istituto di credito locale a introdurre questa tipologia di accordo, la possibilità di scegliere tra l'erogazione diretta del premio 2011, già in busta paga a partire dal mese di luglio, o il suo utilizzo per il rimborso di prestazioni a carattere sociale.

In sostanza, in alternativa all'erogazione monetaria cash (soggetta a una tassazione che varia dal 28 al 41%) ogni lavoratore potrà utilizzare per sé, il coniuge e i figli, anche non fiscalmente a carico, le somme erogate a titolo di premio aziendale per alcuni servizi quali appunto gli asili nido, le scuole di ogni ordine e grado, dalla materna all'università e alle scuole di specializzazione, i campus estivi, la mensa scolastica, i master, i corsi linguistici, l'acquisto di libri scolastici, il contributo al fondo di previdenza complementare, i piani di assistenza sanitaria e assicurativa, il check up medico. Con il vantaggio che queste somme, che riguardano spese sostenute dall'1 gennaio al 10 dicembre 2012, non saranno soggette ad alcuna tassazione.

Un'intesa che si è conclusa con soddisfazione generale delle organizzazioni sindacali Fiba-Cisl, Fabi, Dircredito, Fisac-Cgil e Uilca-Uil che hanno sottoscritto l'accordo e anche della direzione della Banca Popolare di Bergamo. Dopo Intesa Sanpaolo e Unicredit è dunque la Banca Popolare di Bergamo a muoversi nella direzione di un Welfare privato integrativo facendo da apripista non solo nel gruppo Ubi ma anche fra le banche del territorio.

Leggi di più su L'Eco di martedì 26 giugno

m.sanfilippo

© riproduzione riservata