Firenze, Pitti Uomo al via La carica dei bergamaschi
Tema del Pitti quest’anno il «viaggiare a piedi»: ecco la foto simbolo

Firenze, Pitti Uomo al via
La carica dei bergamaschi

Resta la piattaforma più importante a livello internazionale per le collezioni di abbigliamento e accessori uomo e per il lancio dei nuovi progetti sulla moda maschile. Tantissime le aziende bergamasche a Firenze.

A Firenze torna Pitti, sempre alla Fortezza da Basso fino al 16 gennaio, per la sua 87esima edizione. Dall’eccellenza delle aziende del nuovo classico, alla ricerca del mondo dell’accessorio con il suo ruolo sempre più decisivo sul mercato, i brand italiani in fiera attendono in particolare il mondo internazionale, l’Oriente e gli Stati Uniti, mercati di riferimento per l’export internazionale.

Con un numero record di richieste di partecipazioni internazionali: il 43% delle aziende a questa edizione arrivano infatti da oltre 30 Paesi del mondo, un viaggio inedito tra moda, arte, design e sport.

Protagonisti sono i 1.113 marchi di Pitti Uomo, nuovo record assoluto di partecipazioni, a cui si aggiungono le 70 collezioni donna di Pitti W, con proposte pensate per un pubblico che si attende numeroso: oltre 30.000 i visitatori all’ultima edizione in rappresentanza di tutti i negozi e department store più importanti del mondo.

Nei 59mila metri quadrati di esposizione molti i bergamaschi, con anche qualche new entry. Si confermano la storica Camiceria Maffeis di Bergamo, Bresciani Calze di Spirano, V&V Italian Style di Alzano con le sue camicie Sonrisa e il suo marchio J.W. Raily; Perofil con anche la licenza Zegna underwear, la Indas di MEdolago con Etiqueta Negra, Bagutta e Scaglione, ma anche Pinetti da Brusaporto e Mazzoleni Gloves di Mozzo insieme a Minoronzoni che porta il suo marchio casual Minoronzoni 1953. Ritorna Essenza di Cerete con Yes Zee e Albini con Thomas Mason Accessories mentre la Emmegierre Fashion di Osio Sopra entra in Fortezza da Basso per la prima volta con i suoi marchi uomo Hosio e Obvious Basic. New entry sono anche la Metalfashion di Castelli Calepio con le sue scarpe Studswar e La Rocca di Martinengo con la licenza di Jeff Griffin. Fuorisalone, all’hotel Baglioni, ci sarà invece L4K3 (si pronuncia Lake, lago in inglese, ndr), giovanissimo marchio del Sebino tra bracciali e calzature e una leggenda che ha origini antiche, nata sul Lago d’Iseo.
Fabiana Tinaglia


© RIPRODUZIONE RISERVATA