Giovedì 23 Gennaio 2014

Imprese, licenziamenti in calo

Bergamo meglio della Lombardia

Sono 242 i lavoratori licenziati in provincia di Bergamo ammessi nelle liste di mobilità riservate alle aziende medio-grandi (con più di 15 dipendenti) e approvate dalla Sottocommissione Regionale per le politiche del lavoro (SCRPL) riunita martedì 21 gennaio.

“Il dato conferma un rallentamento già in atto da alcuni mesi e più sensibile a Bergamo (-58,1% rispetto a gennaio 2013 quando erano 577) che nel resto della Lombardia (-28,5%)”: lo spiega Orazio Amboni dell’Ufficio Studi della CGIL di Bergamo.

Che, dati alla mano, sottolinea: “Dal momento che non vengono più compilate le liste di mobilità per i lavoratori licenziati nelle aziende fino a 15 dipendenti (liste regolate dalla legge 236/1993) e non sono ancora stati resi pubblici i licenziamenti comunicati ai Centri per l’Impiego, non è possibile avere un quadro completo della situazione. Il dato tendenzialmente in miglioramento grazie all’andamento delle aziende medio-grandi probabilmente non sarà confermato – almeno in queste dimensioni – dalle piccole aziende dove (lo si è visto negli scorsi anni) i licenziamenti sono molto più numerosi, sia perché in provincia di Bergamo oltre il 60% dei lavoratori è occupato in aziende di piccole dimensioni, sia perché la ripresa è trascinata prevalentemente dalle aziende medio-grandi che lavorano per l’esportazione. A questi due primi motivi va aggiunto il fatto che nelle piccole aziende i lavoratori sono meno tutelati rispetto al licenziamento”.

Dei 242 licenziati, solo 23 hanno cessato il rapporto di lavoro nel 2014, per tutti gli altri il licenziamento è riferito agli ultimi mesi del 2013. In 50 sono stati licenziati il 31 dicembre.

I 242 licenziamenti di gennaio sono così articolati rispetto al settore lavorativo:

Meccanica 66

Edilizia 47

Tessile Abbigliamento 42

Chimica 31

Commercio Terziario 22

Laterizi Lapidei Cemento 9

Alberghi Pubblici esercizi Turismo 8

Trasporto Spedizioni 7

Grafici cartai 6

Legno Arredamento 5

© riproduzione riservata