Mercoledì 13 Novembre 2013

Innovazione e managerialità

Vince Chiara Ferraris («Albini)»

Da sinistra a destra: Bambina Colombo, vice presidente di Federmanager Bergamo, Chiara Ferraris, direttore marketing e Comunicazione di Cotonificio Albini SPA, e Matteo Zanetti, vice presidente di Confindustria Bergamo.

Chiara Ferraris, Direttore Marketing e Comunicazione, di Cotonificio Albini Spa, è la vincitrice dalla quarta edizione del Premio “Innovazione e Managerialità”, assegnato oggi pomeriggio nella sede di Confindustria Bergamo dal Vice Presidente dell’associazione imprenditoriale, Matteo Zanetti, e dalla Vice Presidente di Federmanager Bergamo, Bambina Colombo.

La vincitrice è stata selezionata da una Commissione bilaterale (Federmanager Bergamo-Confindustria Bergamo) incaricata di valutare i profili di manager attivi nel territorio provinciale, operanti in aziende associate a Confindustria e che siano stati protagonisti di interventi efficaci, nel recente passato, finalizzati ad accrescere il grado di innovazione organizzativa e gestionale dell’impresa stessa.

L’intervento è consistito nella realizzazione di un piano di Marketing che “ha coinvolto le produzioni di Cotonificio Albini Spa, contribuendo a realizzare risultati in controtendenza rispetto all’andamento del mercato di appartenenza, contenendo il coinvolgimento nella difficile situazione congiunturale e nella crisi diffusa che ha coinvolto quasi tutti gli operatori del comparto”.

In particolare – è evidenziato nella motivazione - sono stati realizzati molteplici interventi che hanno comportato la valorizzazione dei marchi gestiti dal Cotonificio Albini Spa, il mantenimento di quote significative di mercato, la concretizzazione delle sinergie operative necessarie per ottenere un adeguato equilibrio economico-aziendale.

“L’iniziativa – ha sottolineato il Vice Presidente di Confindustria Bergamo – ha nuovamente evidenziato come il rapporto sinergico tra le funzioni manageriali e i datori di lavoro, quando adeguatamente impostato, può favorire l’affermazione delle imprese, con implicazioni virtuose per il sistema e per il territorio”.

“Il premio a Chiara Ferraris – ha aggiunto la Vice Presidente di Federmanager Bergamo – rappresenta un riconoscimento all’eccellenza della manager che si è particolarmente distinta per impegno, innovazione, talento, e professionalità

nel difficile e competitivo settore del marketing e della comunicazione, in continua evoluzione”.

Istituito nel 2010 da Federmanager Bergamo e da Confindustria Bergamo, il riconoscimento, poco più che simbolico, punta ad evidenziare il ruolo chiave del management nella ricerca di soluzioni innovative per favorire la crescita o gestire situazioni di crisi.

Profilo di Chiara Ferraris

Laureata in Ingegneria gestionale al Politecnico di Milano, è nel Gruppo Albini dal 2008. In precedenza ha lavorato, per circa quindici anni, in Gewiss dove, tra il 2000 e il 2007, è stata Responsabile Comunicazione ed E-Business.

Alla vita professionale, da alcuni anni Ferraris abbina l’impegno nella vita associativa di Federmanager Bergamo.

Ex delegata orobica al Coordinamento nazionale del Gruppo Giovani Dirigenti, dell’organismo di rappresentanza dei Dirigenti di imprese industriali, dal 2010 fa anche parte del Gruppo Minerva Bergamo, l’organizzazione cui fanno capo le Donne Dirigenti iscritte a Federmanager Bergamo.

I vincitori delle tre precedenti edizioni del Premio

La prima edizione del Premio “Innovazione e Managerialità” se l’aggiudicò, nel 2010, Patrizia Bonometti, Direttore Risorse Umane di TenarisDalmine, team leader del ‘Piano sociale’ attivato per la gestione delle problematiche produttive e occupazionali della multinazionale siderurgica.

Nella seconda edizione, l’anno dopo, venne premiato Ernesto Sironi, Vice Presidente Industrial Operations and R&D della N&W Global Vending di Valbrembo (Bg), responsabile del Piano per il trasferimento, dalla Danimarca all’Italia, della produzione di una gamma di macchine automatiche e semiautomatiche per il caffè e altre bevande calde.

Vincitore della terza edizione del Premio, lo scorso anno, Ermanno Frigeni, Direttore Risorse Umane & Affari Generali di Nolangroup, per il modo in cui l’azienda di Brembate di Sopra (Bg), leader nella produzione di caschi da moto di fascia alta e medio-alta, aveva deciso di rispondere all’elasticità del mercato adottando un modello gestionale caratterizzato da una flessibilità condivisa, che ha tenuto in grande considerazione le esigenze del personale. In particolare di quello femminile.

© riproduzione riservata